Amore senza limiti Lettera agli Efesini - Episodio 11

Condividi questo articolo su:
Questo articolo è la parte 11 di 13 nella serie Lettera agli Efesini

Naviga nella serie

«Che spettacolo la chiesa!

Il vincolo della pace»


Novità! --Scarica "Amore senza limiti" come un file PDF! --


Per questo motivo piego le ginocchia davanti al Padre, dal quale ogni famiglia nei cieli e sulla terra prende nome, affinché egli vi dia, secondo le ricchezze della sua gloria, di essere potentemente fortificati, mediante lo Spirito suo, nell’uomo interiore, e faccia sì che Cristo abiti per mezzo della fede nei vostri cuori, perché, radicati e fondati nell’amore, siate resi capaci di abbracciare con tutti i santi quale sia la larghezza, la lunghezza, l’altezza e la profondità dell’amore di Cristo e di conoscere questo amore che sorpassa ogni conoscenza, affinché siate ricolmi di tutta la pienezza di Dio.
Or a colui che può, mediante la potenza che opera in noi, fare infinitamente di più di quel che domandiamo o pensiamo, a lui sia la gloria nella chiesa, e in Cristo Gesù, per tutte le età, nei secoli dei secoli. Amen.

(Efesini 3:14-21 – La Bibbia)
Iscriviti alla newsletter

Ricevi via email i nuovi pensieri

Indice generale della serie sulla lettera agli Efesini

La comunità cristiana, l’insieme di coloro che hanno riposto la loro fede in Gesù il Messia, formata sia da Ebrei che da stranieri, è la primizia di una nuova umanità guidata da Gesù che vive in pace con Dio e promuove la pace tra gli uomini. In un certo senso, quindi, la comunità cristiana, è proprio una famiglia vera e propria.

Paolo utilizzando un gioco di parole, ha voluto ricordare che la parola famiglia (in greco patria) prende nome dalla parola Padre (in greco pater), ricordandoci che, in sostanza, il concetto stesso di famiglia è un concetto che Dio ha inventato! D’altronde, se ci pensiamo, Dio non ha creato l’essere umano proprio per avere una relazione con lui, una relazione paragonabile a quella tra padre e figlio? Sì, Dio vuole che l’uomo faccia parte della sua famiglia ma l’uomo ha rovinato la relazione con Dio attraverso il peccato.

Il Signore, ttraverso l’opera di Gesù il Messia, nel suo grande amore per noi, ci ha teso la mano affinché potessimo di nuovo entrare a far parte della sua famiglia.

La preghiera di Paolo per i suoi lettori, e quindi anche per noi, è che possiamo realizzare quanto sia immenso l’amore di Dio. È infatti un amore senza limiti quello che Dio ci ha mostrato in Gesù Cristo, un amore che sorpassa ogni conoscenza perché l’essere umano non è in grado di concepirlo.

Come possiamo abbracciare un amore la cui larghezza, lunghezza, altezza, profondità sono così immensi? Certamente è qualcosa che è impossibile all’uomo ma Dio può farlo attraverso la sua potenza, attraverso l’opera dello Spirito Santo che può fortificare il nostro uomo interiore. Se riponiamo la nostra fede in Gesù ed egli, attraverso il suo Spirito, abita in noi, allora possiamo riuscire in un’impresa impossibile, arrivando a conoscere in maniera diretta l’amore di Dio.

Non conosceremo questo amore solo per sentito dire, ma lo conosceremo per esperienza perché sarà tale amore a plasmare i nostri cuori e a mutare le nostre azioni, le nostre parole, la nostra intera esistenza. Noi, contenitori così piccoli, saremo in grado di essere ricolmi di tutta la pienezza di Dio. Ci rendiamo conto di quale meravigliosa esperienza sia la nuova vita in Gesù Cristo?

L’esperienza di abbracciare l’amore di Dio non è solo un’esperienza individuale ma un’esperienza che il credente vive “con tutti i santi”, infatti viene vissuta in maniera piena proprio nella chiesa a livello comunitario.

Sono convinto che più conosceremo e vivremo l’amore di Dio, più saremo ricolmi di tutta la pienezza di Dio e più la nostra esperienza cristiana sarà appagante e gioiosa.

Conosco molti cristiani che, a torto o a ragione, sono stati delusi dai rapporti nella chiesa in cui non sempre l’amore di Dio viene vissuto davvero. Ma voglio incoraggiarvi a non arrendervi. Realizzate a livello individuale e manifestate agli altri l’amore di Dio che sorpassa ogni conoscenza e vedrete cambiare le cose anche nella collettività perché  l’amore sa esser contagioso… Se non ci credete, ricordatevi che Dio, mediante la potenza che opera in noi, può fare infinitamente di più di quel che domandiamo o pensiamo. Quando realizziamo questo, come Paolo, non possiamo fare altro che ringraziarlo, lodarlo, adorarlo, dare a lui la gloria propio attraverso il nostro essere chiesa in Gesù Cristo, la famiglia di Dio radicata e fondata nell’amore, un amore senza limiti.

----------------------
Se vuoi avere maggiori informazioni sugli argomenti trattati in questo articolo, sentiti libero di contattarmi via mail o sui social networks.
Condividi questo articolo su:
Posted in Pensieri and tagged , .

Perché non lasci un commento? Saresti utile anche ad altri!