Chi trova un amico trova un tesoro

Condividi questo articolo su:

Novità! --Scarica "Chi trova un amico trova un tesoro" come un file PDF! --


Non abbandonare il tuo amico
né l’amico di tuo padre,
e non andare in casa del tuo fratello
nel giorno della tua sventura;
una persona a te vicina
vale più d’un fratello lontano.

(Proverbi 27:10 -LA BIBBIA)
Iscriviti alla newsletter

Ricevi via email i nuovi pensieri

Chi trova un amico trova un tesoro.  Questa è una frase che abbiamo sentito e pronunciato spesso, è vero? Mi ricorda anche il titolo di un film con Bud Spender e Terence Hill, due attori che spopolavano quando ero un ragazzino.

L’esperienza umana ci insegna quanto sia importante avere vicino a noi delle persone con le quali posiamo instaurare veri rapporti di amicizia.

Anche la bibbia esalta l’amicizia vera caratterizzata da un legame forte, intenso.  In questo verso emerge anche  il grande rispetto che veniva riservato agli amici di famiglia (amico di tuo padre), persone legate alla famiglia da legami di vecchia data.

Quando le cose vanno male, quando ci sono situazioni difficili, chi ci potrà offrire un aiuto concreto se non le persone a noi vicine, quelle a cui siamo più legate? In questo senso, è ovvio che un amico vicino sia meglio di un fratello lontano.  Benché i rapporti di parentela siano importanti, il rapporto di amicizia viene quindi esaltato in maniera particolare nella bibbia.

Mi stavo chiedendo  quale sia la più grande differenza tra un fratello e un amico. Credo che la più evidente sia l’impossibilità per i fratelli di scegliersi. Sei legato ad un fratello da una relazione “di sangue”, ereditata dai tuoi comuni genitori. Non hai nessun controllo sulla relazione di fratellanza. Invece l’amicizia è una scelta deliberata, che sviluppi scegliendo di dedicarvi tempo ed energie. Ed è proprio questo che fa dell’amicizia una relazione speciale.

Anche in senso spirituale, accade la stessa cosa. Coloro che condividono la fede cristiana sono tra di loro fratelli, ma l’amicizia non è una cosa che devono dare per scontato tra di loro. Dovranno ricercarla e curarla. Altrimenti, quando un credente si troverà nel bisogno, non troverà nei suoi fratelli anche degli amici a lui vicini che potranno sostenerlo.

Quanto è importante quindi non accontentarsi di essere fratelli, ma sviluppare anche l’amicizia.  Se è meglio un amico vicino che un fratello lontano, perché non cercare di essere proprio un fratello vicino che è anche un amico?

----------------------
Se vuoi avere maggiori informazioni sugli argomenti trattati in questo articolo puoi scrivermi a [email protected] Aiutami a diffondere i pensieri di questo blog condividendo sui social newtworks. Grazie
Condividi questo articolo su:
Posted in Pensieri and tagged , .

Perché non lasci un commento? Saresti utile anche ad altri!