Come rovinare l’amicizia

Spettegolare_ris_1


L’uomo perverso
semina contese,
il maldicente
disunisce gli amici migliori.

(Proverbi 16:28 – La Bibbia)
Play
Iscriviti alla newsletter -
- Non perdere i pensieri di Oggi in Cristo!

- Iscriviti e riceverai ogni nuovo pensiero pubblicato.

Potrai cancellare l'iscrizione cliccando sul link presente in ogni email.

Vuoi rovinare un’amicizia? Un metodo infallibile consiste nel seminare discordia attraverso i pettegolezzi. Purtroppo funziona anche troppo.

Funzionava quando nemmeno esistevano i telefoni e occorreva seminare i pettegolezzi con tanta “fatica” avvicinando l’interlocutore a tu per tu. Figuriamoci oggi che oltre al già citato telefono abbiamo a disposizione gli SMS,  i messaggi di posta elettronica, i forum su internet, e, ultimo ma non ultimo, i social networks come facebook.

Anzi, i metodi più moderni, a mio avviso, rischiano di renderci ancora più trasparenti e disinibiti… Vi siete accorti che per scritto con questi moderni mezzi, a volte ci permettiamo di fare dei commenti che difficilmente ci permetteremmo di fare a tu per tu, tendendo ad offendere gli altri con più facilità? Anche sul lavoro ho notato che l’avvento della posta elettronica ha favorito il prolungarsi di discussioni che con una riunione a tu per tu si sarebbero risolte molto più velocemente.

Oggi è facile essere maldicenti anche per coloro che per loro natura sono timidi, perché è più facile lasciarsi andare nascosti dietro la tastiera di un computer! Inoltre, molto spesso su internet si utilizza l’anonimato o falsi profili con i quali pensiamo di poter dire ciò che vogliamo di chiunque senza assumercene neanche la responsabilità!

Ammetto che quando ero più giovane, all’inizio dell’era di internet, anche io ho ceduto alla tentazione di partecipare a forum senza utilizzare il mio nome, ma mi sono accorto che questo mi portava appunto ad essere più disinibito e aggressivo nei confronti degli altri, proprio perché sapevo che bastava disconnettersi e tutto tornava come prima. Ma in realtà non è così! Questo è un grande inganno perché quando si offende qualcuno o si fanno pettegolezzi nei confronti di terze parti, si fanno sempre danni e il fatto di essere nascosti nell’anonimato ci rende solo più vili e perversi, ma pur sempre responsabili!

L’uomo perverso semina contese, il maldicente disunisce gli amici migliori.

Il maldicente, con le sue parole può fare danni duraturi, mettendo zizzania  e rovinando anche amicizie di vecchia data. Riuscite a pensare a qualcosa di più subdolo e perverso? Mi vergogno per quelle volte in cui io stesso sono stato uno strumento per seminare contese.

Credo che sia con le nostre parole che con tutti i mezzi di comunicazione a nostra disposizione, dobbiamo cercare di essere prudenti e rispettosi nei confronti del nostro prossimo. Vale la pena rovinare dei rapporti per un post su facebook? Oppure perché non abbiamo resistito a fare una telefonata del tipo “ehi hai sentito cosa ha combinato Tizio o Caio…”?

Oggi abbiamo molti mezzi per comunicare ma questo aumenta la nostra responsabilità. Possiamo utilizzare questi mezzi per condividere pensieri utili e incoraggianti, e anche per scambiare qualche battuta, ma possiamo anche utilizzarli per seminare contese e rovinare amicizie.

Avete mai pensato che il maldicente può fare danni solo se trova un orecchio disposto ad ascoltarlo? Allora non dovremmo solo non farla in maniera attiva con la nostra lingua, ma anche cominciare a chiudere le nostre orecchie (e magari anche le nostre pagine su internet o sui social network) a coloro che si ostinano ad utilizzarle come pattumiera per gettarvi dentro i rifiuti tossici della propria lingua.

4 Comments
  1. La nostra lingua un fuoco, citava un libro letto all’inizio della mia conversione. Quanto e’ vero,purtroppo nemmeno io posso dire di essere stata sempre benevole in questo campo, ma la cosa che mi faceva piu’ male era la consapevolezza che ormai non potevo piu’ rimeddiare,il rapporto era andato.
    Ci sono voluti un po’ di anni pri
    ma che le cose si rimettessero in piedi,ma non per capacita’ mia ,ma per l’amore innestinguibile di COLUI che ci ha dato da imparare come tenere a freno appunto la nostra lingua, col riempirla della Sua Parola.

  2. Quando accettiamo una maldicenza diventiamo come un cestino della spazzatura.
     Col 3:8 Ma ora deponete anche voi tutte queste cose: ira, collera, cattiveria; e non esca dalla vostra bocca maldicenza e alcun parlare disonesto….la maldicenza contamina…

Perché non lasci un commento? Saresti utile anche ad altri!