Un fiore tra le rovine


Novità! --Scarica "Un fiore tra le rovine" come un file PDF! --


[su_heading size=”14″]

Il SIGNORE vide che la malvagità degli uomini era grande sulla terra
e che il loro cuore concepiva soltanto disegni malvagi in ogni tempo.
Il SIGNORE si pentì d’aver fatto l’uomo sulla terra, e se ne addolorò in cuor suo.
E il SIGNORE disse: «Io sterminerò dalla faccia della terra l’uomo che ho creato:
dall’uomo al bestiame, ai rettili, agli uccelli dei cieli; perché mi pento di averli fatti».
Ma Noè trovò grazia agli occhi del SIGNORE.
Questa è la posterità di Noè.
Noè fu uomo giusto, integro, ai suoi tempi;
Noè camminò con Dio.
Noè generò tre figli: Sem, Cam e Iafet.
(Genesi 6:5-10 NRV)

Iscriviti alla newsletter

Ricevi via email i nuovi pensieri

L’altro giorno, un vecchio amico, leggendo dell’ennesimo dramma famigliare conclusosi con un eccidio, commentava così: “Il mondo sta proprio andando a rotoli!”

Non posso dargli torto. La malvagità dell’uomo sembra non avere limiti. Ma in fondo, leggendo la bibbia, non ci dovremmo sorprendere.

Dio aveva creato un mondo perfetto, eppure dopo il peccato dell’uomo le cose si sono deteriorate in fretta e, dopo poco tempo, si è consumato il primo omicidio della storia perpetrato da Caino nei confronti di Abele.

Nel giro di qualche generazione l’umanità era già talmente malvagia da indurre il Signore a decretare, tramite il diluvio, la fine del genere umano. Se ci si pensa, è sorprendente: il mondo era già andato a rotoli parecchie migliaia di anni fa! L’uomo, già allora era in grado di concepire solo disegni malvagi ed era quindi pronto per il giudizio di Dio.

C’è però in questo brano una nota positiva che cambiò interamente il corso della storia. In mezzo ad un’umanità pronta per il giudizio di Dio c’era un individuo che si distingueva da tutti gli altri e aveva trovato grazia agli occhi di Dio. Quel MA esprime un forte contrasto tra Noè e tutti gli altri: MA Noè trovò grazia agli occhi del SIGNORE.

Come mai quest’uomo è oggetto particolare del favore di Dio? Lo apprendiamo dai versi seguenti. Egli era giusto, integro ai suoi tempi, ovvero nel tempo malvagio in cui viveva egli era una mosca bianca, un fiore tra le rovine.

Il termine giusto si riferisce al suo atteggiamento nei confronti degli altri uomini. In una società in cui dominava l’egoismo, la cattiveria, la malvagità, Noè aveva un atteggiamento differente verso i suoi simili.

Inoltre egli era integro, letteralmente senza macchia, senza difetto. Questo si riferisce al suo rapporto con Dio, alla sua ubbidienza nei confronti di Dio.

Si può quindi dire che, in un tempo in cui tutti erano malvagi e lontani da Dio, Noè si distingueva per la sua condotta giusta nei confronti degli altri, per la sua morale e per la sua ubbidienza a Dio.

Quando, intorno a noi, tutti si comportano male, è facile essere tentati di fare altrettanto, chiedendosi se valga la pena mantenere la propria integrità. In fondo, se tutti si comportano in un certo modo, che male c’è se lo faccio anche io? Perché non dovrei farlo anche io?

Eppure Noè fu un uomo straordinario e non si curò di ciò che accadeva intorno a lui. Egli dimostrò che è possibile mantenersi giusti e integri anche in una società totalmente corrotta.

Come Enoc prima di lui, Noè camminò con Dio, ovvero ebbe una relazione stretta con Dio che si esprimeva nella sua condotta. Questo ci dimostra che, da Adamo in poi, attraverso suo figlio Set, nonostante il peccato dell’uomo, la fede nel Dio creatore di ogni cosa si è trasmessa di generazione in generazione per arrivare fino a Noè al punto che Noè conosceva Dio e camminava con Lui.

In ogni generazione ci sono stati dei fiori tra le rovine. Viviamo in un mondo in cui la maggioranza non si cura di Dio, ma questa non può essere una scusa per non cercare un rapporto con il nostro Creatore. Come Noè, anche oggi, nella nostra generazione, possiamo cercare Dio ed avere un rapporto con Lui, lasciandoci trasformare e ricevendo la sua grazia. Anche noi possiamo essere un fiore tra le rovine.

----------------------
Se vuoi avere maggiori informazioni sugli argomenti trattati in questo articolo, sentiti libero di contattarmi via mail o sui social networks.
Posted in Pensieri and tagged .

Perché non lasci un commento? Saresti utile anche ad altri!