Fiumi d’acqua viva Evangelo di Giovanni - Episodio 31

Condividi questo articolo su:
Questo articolo è la parte 31 di 90 nella serie Evangelo di Giovanni

Naviga nella serie

«E se fosse davvero il Cristo?

Non può essere il Cristo!»


Novità! --Scarica "Fiumi d'acqua viva" come un file PDF! --


Nell’ultimo giorno, il giorno più solenne della festa, Gesù stando in piedi esclamò: «Se qualcuno ha sete, venga a me e beva. Chi crede in me, come ha detto la Scrittura, fiumi d’acqua viva sgorgheranno dal suo seno». Disse questo dello Spirito, che dovevano ricevere quelli che avrebbero creduto in lui; lo Spirito, infatti, non era ancora stato dato, perché Gesù non era ancora glorificato.

(Giovanni 7:37-39 – La Bibbia)
Iscriviti alla newsletter

Ricevi via email i nuovi pensieri

indice-giovanni

L’ultimo giorno della festa dei tabernacoli era un giorno solenne, il più importante della festa ed era prevista una convocazione di tutto il popolo con sacrifici e attività annesse presso il tempio.

La festa dei tabernacoli era una rievocazione storica del tempo in cui Israele era stato nel deserto abitando in tende, ma era anche la festa autunnale con la quale si concludeva il ciclo agricolo dell’anno, subito dopo la raccolta dell’uva. Era quindi una festa di gioia e ringraziamento a Dio.

L’acqua era fondamentale per il ciclo agricolo quindi durante la festa si ringraziava Dio anche per la pioggia che aveva prodotto il raccolto e si pregava per la pioggia nei mesi successivi. L’acqua aveva quindi un ruolo importante nelle tradizioni ebraiche riguardanti la festa. Ad esempio era usanza che un sacerdote portasse una brocca d’oro con acqua prelevata dalla vasca di Siloe guidando una processione fino al tempio dove il sommo sacerdote la versava ai piedi dell’altare. Questa cerimonia legata all’acqua faceva pensare anche al futuro spargimento dello Spirito Santo che gli Ebrei si aspettavano alla venuta del Messia con l’instaurazione del nuovo patto. Era caratteristico che i rabbini leggessero e commentassero vari brani con riferimento all’acqua, come Isaia 12:3 “Voi attingerete con gioia l’acqua dalle fonti della salvezza” oppure Ezechiele 36:25 “v’aspergerò d’acqua pura, e sarete puri”.

Proprio al culmine della festa è probabile che Gesù stesse assistendo a tali rituali legati all’acqua, quando attirò l’attenzione su una verità fondamentale: egli era la vera sorgente d’acqua viva a cui gli Israeliti dovevano abbeverarsi!

Le fonti della salvezza a cui Isaia si riferiva, l’acqua pura di cui essi sarebbero stati aspersi secondo Ezechiele, trovavano il loro adempimento proprio in Gesù e nello Spirito Santo che Egli avrebbe sparso dopo la sua morte e la sua risurrezione. Egli promise che, dopo la sua ascensione al Padre, egli avrebbe donato lo Spirito Santo ai suoi discepoli e a tutti coloro che in seguito avrebbero confidato in lui per la loro salvezza. Alla prima Pentecoste dopo la sua risurrezione la promessa si realizzò.

Mentre essi stavano pregando per la futura benedizione legata al Messia, Gesù stava dicendo loro che tale benedizione era già lì a disposizione perché il Messia era già in mezzo a loro e il Nuovo Patto di cui aveva parlato Geremia (Gr 31:31) stava per essere inaugurato! In lui si avveravano promesse come quelle che leggiamo in Isaia 58:11: “il SIGNORE ti guiderà sempre, ti sazierà nei luoghi aridi, darà vigore alle tue ossa; tu sarai come un giardino ben annaffiato, come una sorgente la cui acqua non manca mai.” Se si legge il contesto di Isaia, tali promesse erano legate alla pratica della religione che Dio gradisce basata su un vero timore di Dio e un rapporto reale con Lui, contrapposta alla religione sterile, abitudinaria e tradizionale che già contraddistingueva il popolo ai tempi di Isaia. Se avessero creduto in Gesù, sarebbero davvero stati come fonti d’acqua viva, ovvero sorgenti d’acqua sempre corrente, non cisterne piene d’acqua stagnante, ovvero religiosi senza un vero rapporto con il Dio vivente e vero! Lo Spirito Santo avrebbe permesso loro di avere un rapporto reale e continuo con Dio.

Questa promessa di Gesù si estende anche a noi. Forse anche tu sei già legato a tradizioni religiose ma ti manca un vero rapporto con Dio? Gesù ti invita ad andare a lui per abbeverarti alla vera sorgente, ricevere lo Spirito Santo e cominciare un cammino del quale non ti pentirai. Egli non vuole che tu sia una cisterna d’acqua stagnante, ma una sorgente d’acqua viva.

----------------------
Se vuoi avere maggiori informazioni sugli argomenti trattati in questo articolo, sentiti libero di contattarmi via mail o sui social networks.
Condividi questo articolo su:
Posted in Pensieri and tagged , , , .

One Comment

  1. tante volte sento la presenza di un qualcosa di indefinito che mi da una sensazione di tranquillità e sicurezza Sono sicuro che si tratti dello SPIRITO SANTO; Ma altre volto quando sono preoccupato per le cose di questo mondo ,questa forza non la sento più ,e allora vengo assalito da paure per la mia salute ,per la mia famiglia ,per i figli che non trovano lavoro ,ecc.n Spesso prego DIO e il Signore Gesù Cristo che faccia trovare lavoro ma soprattutto che dia a loro un cuore forte e incline a cercare prima LUI e poi ad darsi da fare senza scoraggiarsi.nTemo che loro non pensano per niente al Dio Padre e al Signore Gesù e pensano solo a seguire le mode del momento

Perché non lasci un commento? Saresti utile anche ad altri!