Game over

Condividi questo articolo su:

Novità! --Scarica "Game over" come un file PDF! --


Poi disse loro: «State attenti e guardatevi da ogni avarizia;
perché non è dall’abbondanza dei beni che uno possiede,
che egli ha la sua vita».
E disse loro questa parabola:
«La campagna di un uomo ricco fruttò abbondantemente;
egli ragionava così, fra sé:
“Che farò, poiché non ho dove riporre i miei raccolti?”
E disse: “Questo farò: demolirò i miei granai,
ne costruirò altri più grandi,
vi raccoglierò tutto il mio grano e i miei beni,
e dirò all’anima mia:
«Anima, tu hai molti beni ammassati per molti anni;
ripòsati, mangia, bevi, divèrtiti»”.
Ma Dio gli disse:
“Stolto, questa notte stessa
l’anima tua ti sarà ridomandata;
e quello che hai preparato, di chi sarà?”
Così è di chi accumula tesori per sé
e non è ricco davanti a Dio».

(Luca 12:15-21 – La bibbia)
Iscriviti alla newsletter

Ricevi via email i nuovi pensieri

Qualche tempo fa ho saputo di un conoscente che aveva acquistato una casa al mare, investendo tutto ciò che aveva risparmiato durante la sua vita.

I suoi figli si erano sposati e, una volta che lui fosse andato in pensione, aveva intenzione di andare a vivere in quella casa insieme a sua moglie. Sembrava un buon posto dove passare la propria vecchiaia in tranquillità. Finalmente si sarebbe riposato dopo una vita di duro lavoro e si sarebbe goduto la sua pensione.

Pochi mesi dopo l’acquisto della casa, quest’uomo è morto, senza aver la possibilità di passarvi dentro un solo giorno.

Cose di questo genere accadono continuamente e ci ricordano quanto la nostra vita sia precaria.

Facciamo programmi, pianifichiamo, pensiamo sempre al nostro futuro, come se dovessimo vivere per sempre. Poi succedono queste cose e ritorniamo con i piedi sulla terra, ricordandoci quanto siamo fragili.

La parabola di Gesù ci richiama a dare il giusto peso alle cose materiali. Gesù invitò a guardarsi dall’avarizia perché evidentemente vedeva che molte persone davano troppa importanza al denaro, dedicando tutta la propria mente a trovare modi per accumularne di più, perdendo così di vista il vero obiettivo della vita.

L’uomo di questa parabola, proprio nel momento in cui credeva di essersi sistemato per gli anni a venire e si preparava a godersi i suoi beni, fu costretto a rendere la propria anima. Tutte le sue ricchezze, a quel punto, a cosa sarebbero servite? Chi se le sarebbe godute?

Il problema dell’uomo ricco non erano le ricchezze, ma il fatto che egli avesse fatto il conto senza l’oste, dimenticando che la vita dell’uomo è come l’erba dei campi, destinata a seccarsi da un momento all’altro.

Gesù mostrò l’insensatezza di quell’uomo che, trovandosi con un raccolto particolarmente ricco, pensò di poterne disporre per il futuro quando invece il futuro non era nelle sue mani. Gesù fece notare che quell’uomo non si preoccupò invece di “esser ricco davanti a Dio” pensando a come avrebbe potuto utilizzare la sua ricchezza per venire incontro anche alle necessità degli altri. Ma come spesso capita, quell’uomo era troppo concentrato sul proprio ombelico per vedere i bisogni altrui.

Il ricco pensava che il meglio dovesse ancora venire e che dipendesse dalle ricchezze che aveva accumulato. Invece gli fu dimostrato che la qualità della sua vita futura dipendeva da un altro tipo di ricchezza, di cui non si era preoccupato.

Chiediamo a Dio di darci il giusto equilibrio per goderci oggi le cose che abbiamo, imparando a non prendere troppo sul serio i nostri programmi per il futuro, perché non sappiamo cosa sarà di noi domani. Chi può conoscere l’ora in cui il Creatore decreterà il “ Game Over ” della nostra vita?
Preoccupiamoci quindi di arricchirci spiritualmente in vista della vita eterna, l’unico investimento a lungo termine che abbia davvero un senso.

----------------------
Se vuoi avere maggiori informazioni sugli argomenti trattati in questo articolo puoi scrivermi a [email protected] Aiutami a diffondere i pensieri di questo blog condividendo sui social newtworks. Grazie
Condividi questo articolo su:
Posted in Pensieri and tagged .

Perché non lasci un commento? Saresti utile anche ad altri!