Gesù, se tu fossi stato qui… Evangelo di Giovanni - Episodio 45

Condividi questo articolo su:
Questo articolo è la parte 45 di 90 nella serie Evangelo di Giovanni

Naviga nella serie

«Il bene e il meglio

Lazzaro, vieni fuori!»


Novità! --Scarica "Gesù, se tu fossi stato qui..." come un file PDF! --


Gesù dunque, arrivato, trovò che Lazzaro era già da quattro giorni nel sepolcro. Or Betania distava da Gerusalemme circa quindici stadi, e molti Giudei erano andati da Marta e Maria per consolarle del loro fratello.
Come Marta ebbe udito che Gesù veniva, gli andò incontro; ma Maria stava seduta in casa. Marta dunque disse a Gesù: «Signore, se tu fossi stato qui, mio fratello non sarebbe morto; e anche adesso so che tutto quello che chiederai a Dio, Dio te lo darà». Gesù le disse: «Tuo fratello risusciterà». Marta gli disse: «Lo so che risusciterà, nella risurrezione, nell’ultimo giorno». Gesù le disse: «Io sono la risurrezione e la vita; chi crede in me, anche se muore, vivrà; e chiunque vive e crede in me, non morirà mai. Credi tu questo?» Ella gli disse: «Sì, Signore, io credo che tu sei il Cristo, il Figlio di Dio che doveva venire nel mondo».
Detto questo, se ne andò, e chiamò di nascosto Maria, sua sorella, dicendole: «Il Maestro è qui, e ti chiama». Ed ella, udito questo, si alzò in fretta e andò da lui. Or Gesù non era ancora entrato nel villaggio, ma era sempre nel luogo dove Marta lo aveva incontrato. Quando dunque i Giudei, che erano in casa con lei e la consolavano, videro che Maria si era alzata in fretta ed era uscita, la seguirono, supponendo che si recasse al sepolcro a piangere.
Appena Maria fu giunta dov’era Gesù e l’ebbe visto, gli si gettò ai piedi dicendogli: «Signore, se tu fossi stato qui, mio fratello non sarebbe morto».

(Giovanni 11:17-32 – La Bibbia)
Iscriviti alla newsletter

Ricevi via email i nuovi pensieri

indice-giovanni

Nella vita non ci sono solo momenti gioiosi. Prima o poi ci saranno anche momenti tristi. In quei momenti di sconforto è fondamentale avere la certezza che Dio non ci ha abbandonato.

Per Marta e Maria era sicuramente un momento triste. Avevano appena perso il proprio fratello. Qualche giorno prima avevano fatto pervenire un messaggio a Gesù che si trovava oltre il giordano (Gv 10:40) quindi sapevano che il messaggio era arrivato quando ormai era troppo tardi per loro fratello. Infatti, considerando che Gesù arrivò a Betania quando Lazzaro era ormai morto da 4 giorni, calcolando la distanza e i tempi di spostamento del messaggero (una giornata) e poi di Gesù (un’altra giornata), ci si rende conto che anche se Gesù si fosse messo subito in viaggio alla ricezione della notizia comunque non sarebbe arrivato prima della morte di Lazzaro. Probabilmente Gesù lo sapeva bene e per quel motivo era rimasto ancora oltre il Giordano. Se Egli, nella sua potenza, poteva risuscitare Lazzaro non avrebbe fatto nessuna differenza aspettare due giorni in più.

Marta non stava certamente sgridando Gesù per non essere stato presente, tuttavia nelle sue parole c’era un comprensibile dispiacere: “Signore, se tu fossi stato qui, mio fratello non sarebbe morto”. Ella sapeva che se Gesù fosse stato presente le cose sarebbero andate diversamente…

È pur vero che le successive parole di Marta esprimevano speranza: “anche adesso so che tutto quello che chiederai a Dio, Dio te lo darà”. Forse Marta pensava che comunque Gesù avrebbe potuto trarre del bene da quella situazione con l’aiuto di Dio, ma certamente non pensava alla risurrezione immediata di suo fratello. Infatti quando Gesù le annunciò ciò che stava per fare, il pensiero di Marta andò alla risurrezione alla fine dei tempi. Non le passò neanche per la mente che Lazzaro potesse risuscitare in quello stesso giorno!

Marta aveva fiducia in Gesù, credeva che Gesù fosse il Messia, il Figlio di Dio, credeva che ci sarebbe stata una risurrezione e un mondo a venire. Ma difficilmente poteva immaginare cosa sarebbe accaduto da lì a poco… D’altra parte nessuno avrebbe potuto immaginarlo.

Anche Maria, più tardi, reagì nello stesso modo: «Signore, se tu fossi stato qui, mio fratello non sarebbe morto».

Se tu fossi stato qui. Entrambe le sorelle espressero il medesimo concetto. Queste parole esprimono la fiducia nel fatto che Gesù avrebbe potuto fare qualcosa ma allo stesso tempo esprimono un certo rammarico… Se tu fossi stato qui le cose sarebbero andate diversamente ma purtroppo non eri qui…

Chissà quante volte in passato Gesù era stato a casa loro… Perché, nella sua onniscienza, non poteva trovarsi lì proprio quando il loro fratello aveva bisogno? Non possiamo saperlo, ma è possibile che Marta e Maria si fossero poste queste domande anche se non dissero nulla a Gesù.

Mi chiedo quante volte invece noi abbiamo posto domande simili a Dio: ” Signore, perché hai agito in questo modo?”
Perché? Perché? Questa è la domanda che ci facciamo tutte le volte che non capiamo il suo piano, quando non capiamo i suoi silenzi, quando avremmo desiderato un suo intervento e invece non è accaduto nulla…
Signore, se tu fossi stato qui…

Come vedremo in quella occasione Gesù fece un miracolo straordinario che rese palese a tutti perché aveva permesso la morte di Lazzaro e perché non era stato lì al momento in cui Lazzaro era spirato.

Ma nella nostra vita è possibile che non sempre ci sarà immediatamente chiaro il motivo per cui le cose sono andate diversamente da ciò che avremmo sperato. In quei momenti resistiamo alla tentazione di dire “Signore, se tu fossi stato qui…” o “perché hai permesso una cosa simile?” ma ricordiamoci che Il Signore è sempre con noi soprattutto nei momenti più difficili. Egli ha un piano che non sempre possiamo comprendere ma possiamo essere certi che Egli non ci abbandona e non ci lascia. Egli amava Lazzaro, Marta e Maria e tuttavia ha permesso che Lazzaro morisse e che le sue sorelle soffrissero per un certo tempo. La sofferenza potrebbe fare capolino anche nella nostra vita e farci compagnia anche per tempi molto lunghi, ma possiamo essere certi che come amava Lazzaro, Marta e Maria, il Signore ama anche noi e verrà un giorno in cui le nostre lacrime saranno asciugate, in questa vita o, al più tardi, nel mondo a venire.

Egli asciugherà ogni lacrima dai loro occhi e non ci sarà più la morte, né cordoglio, né grido, né dolore, perché le cose di prima sono passate – Apocalisse 21:4

----------------------
Se vuoi avere maggiori informazioni sugli argomenti trattati in questo articolo puoi scrivermi a [email protected] Aiutami a diffondere i pensieri di questo blog condividendo sui social newtworks. Grazie
Condividi questo articolo su:
Posted in Pensieri and tagged , , , .

Perché non lasci un commento? Saresti utile anche ad altri!