Il difficile lavoro della sentinella

20mag-Sentinella_ris
Ora, figlio d’uomo, io ho stabilito te come sentinella per la casa d’Israele;
quando dunque udrai qualche parola della mia bocca, avvertili da parte mia.  
Quando avrò detto all’empio: “Empio, per certo tu morirai!”
e tu non avrai parlato per avvertire l’empio che si allontani dalla sua via,
quell’empio morirà per la sua iniquità,
ma io domanderò conto del suo sangue alla tua mano.  
Ma, se tu avverti l’empio che si allontani dalla sua via, e quello non se ne allontana,
egli morirà per la sua iniquità,
ma tu avrai salvato te stesso.

(Ezechiele 33:7-9 – LA BIBBIA)
Ascolta audio mp3
Esegui
Vuoi ricevere altri pensieri come questo?

Iscriviti per ricevere via email i nuovi pensieri pubblicati su Oggi In Cristo

Potrai cancellare l'iscrizione cliccando sul link presente in ogni email.

Immaginiamo di avere la certezza assoluta di un pericolo incombente. Cosa faremmo? Certamente cercheremmo di avvertire il maggior numero di persone possibili. Ora, immaginiamo che gli altri, invece di prenderci seriamente, ci deridano e continuino ad andare incuranti verso il pericolo. Sarebbe certamente frustrante, non è vero?

Dio aveva incaricato Ezechiele di essere una sentinella per il popolo di Israele. Il suo compito era quindi quello di avvertire. Se lui non avesse avvertito sarebbe stato colpevole perché non avrebbe svolto bene il proprio compito. Ma se lui avesse avvertito e non fosse stato ascoltato, non sarebbe stato ritenuto colpevole.

La sentinella si trova in una posizione in cui vede il pericolo che gli altri non riescono a scorgere ed è tenuta ad avvertirli. Ma se gli altri non si curano dei suoi avvertimenti, cosa potrà fare la sentinella? Potrà insistere, potrà anche supplicarli di ascoltare, ma non potrà obbligare nessuno a dargli retta.

La condizione del cristiano è in qualche modo proprio la posizione della sentinella. Ci sono delle volte in cui la sentinella è stanca di avvertire e di non essere presa sul serio. Verrebbe la tentazione di lasciare perdere, di arrendersi…

A volte la sentinella cristiana si sente addirittura in colpa perché vede che nessuno ascolta. Inizia a pensare che forse è colpa sua, che dovrebbe cambiare metodo, avvertire in una maniera più attraente, più convincente. Ma la sentinella deve ricordare che c’è un solo caso in cui deve sentirsi davvero colpevole: quando non ha svolto il suo compito, quando non ha avvertito.

Come cristiani siamo sentinelle che non devono mai stancarsi di avvertire, anche se a volte può esserci un po’ di frustrazione nel vedere le nostre grida cadere nel vuoto.

Non scoraggiamoci. È un lavoro difficile ma dobbiamo  farlo. Anche se i più non ci ascolteranno, ci sarà sempre qualcuno in mezzo al popolo, che presterà ascolto. Anche fosse uno solo in mezzo ad un’intera città, se il nostro grido fosse servito a salvare la vita anche solo di una persona, ne sarà valsa la pena.

E a coloro che non credono posso solo dire che continuerò a stare al mio posto di guardia. Vi avvertirò del pericolo che incombe, continuerò a farlo anche quando mi direte che devo stare zitto, anche quando mi prenderete in giro per questo.  Forse arriverete a disprezzarmi e ad insultarmi. Ma cercate di capire: se io stessi zitto, che sentinella sarei?

Se vuoi avere maggiori informazioni sugli argomenti trattati in questo articolo, sentiti libero di contattarmi via mail o sui social networks.
Posted in Pensieri and tagged .

3 Comments

  1. Quando un anno fa, mi sono resa conto che io e la mia famiglia siamo lontani da Dio, anche se eravamo stati battezzati 20 anni fa e conoscevamo la parola di Dio, ho reagito subito, e come ha fatto il figlio prodigo,sono tornata a casa.La mia problema era risolta una volta tornata mi sentivo al sicuro; pero vedevo il pericolo che minacciava ancora il mio marito e la figlia. Lottavo per convincerli, mi stupiva il fatto che non vedevano, che non si rendevano conto che abbiamo sbagliato la strada…che siamo colpevoli di aver tradito Dio. In somma ho vissuto veramente tanta frustrazione e tante volte mi facevo sensi di colpa pensando che non sono capace a farli comprendere che devono cambiare. E oggi vado avanti lo stesso…grazie per questo messaggio di incoraggiamento…è vero anche se a volte ci stanchiamo, non moliamo, cominciando con i nostri famigliari dobbiamo avvertire sempre del pericolo incombente..

Perché non lasci un commento? Saresti utile anche ad altri!