Interesse sincero Episodio 1 - Libro di Neemia

Questo articolo è la parte 1 di 31 nella serie Libro di Neemia
interesse-sincero_ris
Parole di Neemia, figlio di Acalia.
Nel mese di Chisleu del ventesimo anno,
mentre mi trovavo nel castello di Susa,
Anani, un mio fratello,
e alcuni altri uomini arrivarono da Giuda.
Io li interrogai riguardo ai Giudei scampati,
superstiti della deportazione,
e riguardo a Gerusalemme.
E quelli mi risposero:
«I superstiti della deportazione sono là,
nella provincia, in gran miseria e nell’umiliazione;
le mura di Gerusalemme restano in rovina
e le sue porte sono consumate dal fuoco».
Quando udii queste parole,
mi misi seduto, piansi,
e per molti giorni fui in grande tristezza.
Digiunai e pregai davanti al Dio del cielo.

(Neemia 1:1-4 – LA BIBBIA)
Ascolta audio mp3
Esegui
Vuoi ricevere altri pensieri come questo?

Iscriviti per ricevere via email i nuovi pensieri pubblicati su Oggi In Cristo

Potrai cancellare l'iscrizione cliccando sul link presente in ogni email.

Serie completa pensieri sul libro di Neemia

Capitolo 1
Neemia 1:1-4 Interesse sincero
Neemia 1:5-7 Il tuo problema è un mio problema
Neemia 1:8-11 Ricordati le promesse
Altri capitoli di Neemia Vedi indice generale libro di Neemia

“Come va?” Molte volte facciamo questa domanda senza essere  davvero interessati ad ascoltare la risposta.

Siamo talmente abituati a chiederlo che continuiamo a farlo per abitudine, aspettandoci la solita risposta: “tutto ok, e tu?”

Ma cosa accade quando chi ci sta davanti ha veramente qualcosa che non va? Cosa accade quando potrebbe avere bisogno del nostro aiuto? Se avevamo fatto la domanda senza nessuna intenzione di ascoltare la risposta, potrebbe essere imbarazzante… Il nostro egoismo potrebbe affiorare spingendoci a svincolarci il più presto possibile da quella conversazione scomoda, mettendo anche in evidenza la nostra ipocrisia.

Questi primi versi del libro di Neemia ci insegnano molto a questo proposito.

Neemia era coppiere del re Artaserse e viveva nel castello di Susa. Era quindi una persona che si era distinta per la sua integrità, conquistandosi la fiducia del re. Aveva infatti una posizione invidiabile tra coloro che vivevano in esilio.

A partire dall’editto di Ciro nel 538 a.c., molti Ebrei erano tornati a Gerusalemme e ora, diverse decine di anni dopo, Neemia era desideroso di sapere come andassero le cose.

Quando arrivarono alcuni uomini da Giuda, tra cui suo fratello Anani, egli li interrogò sulla situazione del suo popolo e di Gerusalemme. Ma non lo fece solo per curiosità o tanto per fare conversazione; egli era sinceramente interessato.

Egli ascoltò bene la risposta. e quando venne a sapere che i suoi fratelli vivevano nella miseria, le mura di Gerusalemme restavano in rovina e le sue porte erano consumate dal fuoco, non rimase indifferente. Si rese conto che era anche un suo problema.

Neemia  non era egoista. Egli amava il Signore e il suo popolo ed era sinceramente interessato a sapere come andassero le cose ai suoi fratelli rientrati in patria. Se le cose andavano male per loro, allora andavano male anche per lui… Per questo pianse, e per molti giorni fu in grande tristezza, digiunando e pregando.

Come leggeremo nel resto del libro, Neemia fu utilizzato da Dio per fare grandi cose, in particolare proprio per ricostruire le mura di Gerusalemme, ma il punto di partenza fu un sincero interesse nei confronti degli altri, nei confronti del suo popolo.

Gli uomini che hanno servito Dio con fedeltà, sono sempre stati uomini che si sono distinti per il loro sincero interesse nei confronti degli altri. Come Neemia, essi sono persone che cercano il bene della collettività, non esitando a sacrificare il proprio interesse per il bene comune. Ad esempio, vi ricordate di Mosè? Avrebbe potuto salvare la sua vita lasciando che Dio distruggesse il resto del popolo (Es 32:9-14), ma il suo amore per il Signore si manifestava proprio nel suo amore per il popolo.

Il Signore non si serve di persone egoiste, ma di persone che si interessano sinceramente agli altri, che sono pronte a mostrare empatia verso il loro prossimo. Devo ricordarmelo la prossima volta che chiederò informazioni a qualcuno sul suo stato, preparandomi ad ascoltare bene la risposta. Potrei scoprire che ci sono delle mura in rovina e che l’altro ha bisogno che io gli dia una mano a ricostruire.

Naviga nella serieIl tuo problema è un mio problema >>
Se vuoi avere maggiori informazioni sugli argomenti trattati in questo articolo, sentiti libero di contattarmi via mail o sui social networks.
Posted in Pensieri and tagged , .

6 Comments

  1. Grazie Omar. Il Signore continui a servirsi di te perchè stai facendo un ottimo lavoro con queste riflessioni bibliche. Con sincero affetto fraterno, Franco.

  2. Le mura della mia vita stavano per crollare, il Signore, mio Dio, ha messo nel mio cuore la sua giustificazione, il desiderio di amare il prossimo, fratello, come Cristo avrebbe fatto.
    Ecco ricostruite le mura.
    Dio é buono, nonostante io sia stata malvagia, Lui si è preoccupato di farmi comprende ancora chinandosi sulla mia miseria, dandomi abbastanza amore da poterne dare a chiunque.

    Carmela

Perché non lasci un commento? Saresti utile anche ad altri!