La bocca e il cuore


Novità! --Scarica "La bocca e il cuore" come un file PDF! --


Il Signore ha detto:
«Poiché questo popolo si avvicina a me con la bocca
e mi onora con le labbra,
mentre il suo cuore è lontano da me
e il timore che ha di me
non è altro che un comandamento imparato dagli uomini,
in mezzo a questo popolo io continuerò a fare delle meraviglie,
meraviglie su meraviglie;
la saggezza dei suoi saggi perirà
e l’intelligenza dei suoi intelligenti sparirà».

(Isaia 29:13-14  – La Bibbia)

«Questo comandamento che oggi ti do,
non è troppo difficile per te,
né troppo lontano da te.  
Non è nel cielo, perché tu dica:
“Chi salirà per noi nel cielo e ce lo porterà
e ce lo farà udire perché lo mettiamo in pratica?”.
  Non è di là dal mare, perché tu dica:
“Chi passerà per noi di là dal mare e ce lo porterà
e ce lo farà udire perché lo mettiamo in pratica?”. 
 Invece, questa parola è molto vicina a te;
è nella tua bocca e nel tuo cuore,
perché tu la metta in pratica.

(Deuteronomio 30:11-14)

Figlio mio, dammi il tuo cuore,
e gli occhi tuoi prendano piacere nelle mie vie;

(Proverbi 23:26)

Iscriviti alla newsletter

Ricevi via email i nuovi pensieri

Ho conosciuto molte persone convinte che Dio avesse dato al suo popolo Israele una legge troppo difficile, impossibile da mettere in pratica. Questo modo di pensare è sbagliato perché porta a credere che ci sia qualcosa di sbagliato nella legge, mentre il vero problema va ricercato nell’uomo.

Il brano del deuteronomio appena letto, venne pronunciato da Mosé subito dopo aver ricordato al popolo la legge che Dio aveva dato loro. Dalle sue parole è evidente che la legge in sé, benché fosse piuttosto articolata, non aveva nulla di difficile, anzi sarebbe stata alla loro portata, vicino a loro, purché si fosse trovata nella loro bocca e nel loro cuore. Infatti è proprio questo il problema dell’uomo. Ha difficoltà in maniera naturale a seguire i comandamenti di Dio a meno che tali comandamenti trovino dimora nel suo intimo, nella sua mente ovvero nel suo cuore.

Il problema, ai tempi di Isaia, per molti Israeliti, era proprio la dicotomia tra ciò che si trovava nella bocca e ciò che si trovava nel cuore. Infatti, molti vivevano la legge in maniera esteriore, nelle offerte e nelle preghiere, ma non erano coinvolti interiormente. Per questo motivo, Dio avrebbe continuato a fare meraviglie in mezzo a loro ma persino i saggi e gli intelligenti in mezzo al popolo non sarebbero stati in grado di discernere la mano di Dio. Quando il cuore è lontano da Dio, la religione esteriore non è sufficiente a mantenere un canale di comunicazione aperto con Lui.

Questo è un problema che è facile rilevare ancora oggi nel modo in cui gran parte delle persone vive la religione. Spesso la religione dell’uomo diventa solo una serie di comandamenti, regole da rispettare con fatica, privazioni, preghiere da recitare, offerte da portare, senza che ci sia un vero cambiamento.

Dio ha sempre cercato il cuore dell’uomo. Quando la nostra religione è qualcosa di esteriore che si esprime con la bocca, ma il nostro cuore è lontano da Dio, diventa impossibile ubbidire a Dio e diventa impossibile discernere la sua voce e la sua opera. Ciò che la bocca esprime deve essere custodito nel cuore, con piena convinzione, affinché possiamo davvero avere una relazione con Dio.

Ancora oggi, Dio ci rivolge il medesimo appello:”Figlio mio, dammi il tuo cuore, e gli occhi tuoi prendano piacere nelle mie vie;” Egli non si accontenterà di niente di meno.

----------------------
Se vuoi avere maggiori informazioni sugli argomenti trattati in questo articolo, sentiti libero di contattarmi via mail o sui social networks.
Posted in Pensieri and tagged , , .

Perché non lasci un commento? Saresti utile anche ad altri!