La via, la verità e la vita Evangelo di Giovanni - Episodio 55

Questo articolo è la parte 55 di 90 nella serie Evangelo di Giovanni

Naviga nella serie

«Amatevi come io vi ho amato

Chi ha visto me ha visto il Padre»


Novità! --Scarica "La via, la verità e la vita" come un file PDF! --


«Il vostro cuore non sia turbato; abbiate fede in Dio, e abbiate fede anche in me!
Nella casa del Padre mio ci sono molte dimore; se no, vi avrei detto forse che io vado a prepararvi un luogo? Quando sarò andato e vi avrò preparato un luogo, tornerò e vi accoglierò presso di me, affinché dove sono io, siate anche voi; e del luogo dove io vado, sapete anche la via».
Tommaso gli disse: «Signore, non sappiamo dove vai; come possiamo sapere la via?» Gesù gli disse: «Io sono la via, la verità e la vita; nessuno viene al Padre se non per mezzo di me. Se mi aveste conosciuto avreste conosciuto anche mio Padre; e fin da ora lo conoscete, e l’avete visto».

(Giovanni 14:1-7 – La Bibbia)
Iscriviti alla newsletter

Ricevi via email i nuovi pensieri

indice-giovanni

Avete mai provato a mettervi nei panni dei discepoli? Come tutti i loro connazionali, anche loro, basandosi sulle scritture, si aspettavano un Messia conquistatore, pronto a ristabilire il regno di Israele, il regno di Davide.

Essi ci avevano creduto ancora più degli altri, arrivando anche a lasciare le loro occupazioni per seguire Gesù. Ed ora, Gesù stava dicendo loro che li avrebbe lasciati… doveva essere un vero shock! Il mondo stava cadendo loro addosso.

Ecco perché Gesù li consola con le sue parole. Egli li sfidò a riporre in lui la medesima fede che riponevano in Dio stesso. Non dovevano lasciarsi turbare da ciò che sarebbe accaduto. Non dovevano essere demoralizzati. Anche se loro non avevano compreso che il Messia sarebbe dovuto morire, non dovevano venire meno nella fede perché Egli non li avrebbe delusi. È vero che li stava lasciando ma era solo l’inizio del loro rapporto con lui, infatti egli sarebbe andato a preparare un luogo per loro nella casa del Padre e un giorno li avrebbe accolti presso di lui. Non era un addio, ma un arrivederci!

In quale modo avrebbero potuto ricongiungersi con lui presso il Padre? Qual’era la via da percorrere? Essi non sapevano dove stava andando, come potevano conoscere la via? La domanda di Tommaso diede a Gesù l’opportunità di fare una delle sue affermazioni riguardanti la salvezza più chiare e più belle:
«Io sono la via, la verità e la vita; nessuno viene al Padre se non per mezzo di me. Se mi aveste conosciuto avreste conosciuto anche mio Padre; e fin da ora lo conoscete, e l’avete visto».

Gesù diede una risposta definitiva sul modo in cui gli esseri umani avrebbero potuto relazionarsi con Dio. Conoscere Gesù avrebbe significato conoscere il Padre. Attraverso di Lui si avrebbe avuto pieno accesso a Dio perché, come scrisse Paolo in Col 2:9, “in lui abita corporalmente tutta la pienezza della Deità”.

Il relativismo che domina la nostra società crede che ci siano tante verità. Ognuno pensa di avere la sua. Così noi cristiani siamo considerati intolleranti perché diciamo alle persone che devono credere in Gesù Cristo per essere salvati e che non ci sono alternative.

Ma la verità, per sua natura, non può essere inclusiva anche del suo opposto ma si contrappone a ciò che è falso. Gesù infatti non indicò una serie di possibilità tra cui scegliere per andare al Padre ma fu categorico.

Gesù è la via da percorrere, una via che passa attraverso l’accettazione di ciò che lui ha fatto dando la sua vita sulla croce per noi. Egli è la verità al di fuori della quale non c’è salvezza, egli è colui attraverso il quale è possibile avere vita eterna. Nessuno avrebbe potuto trovare scorciatoie o strade alternative. La vita eterna passa per la conoscenza del solo vero Dio e di colui che il Padre ha mandato, ovvero Gesù Cristo. Punto. Gesù non condivide il suo posto di redentore con altri.

Essere cristiani, ovvero discepoli di Gesù, ci pone quindi in una posizione che, agli occhi degli altri, sembrerà arrogante e intollerante, ma non sta a noi stabilire strade alternative a Gesù.

Ha forse Gesù esagerato quando ha detto di essere la Via, la Verità e la Vita? Ha forse esagerato quando ha detto che nessuno sarebbe venuto al Padre se non per mezzo di Lui?

Continuerò ad amare il prossimo e a rispettare le sue scelte, ma continuerò anche a proclamare che esiste una sola via da percorrere per essere salvati, una sola verità e un solo modo di ottenere vita eterna: Gesù Cristo.

----------------------
Se vuoi avere maggiori informazioni sugli argomenti trattati in questo articolo, sentiti libero di contattarmi via mail o sui social networks.
Posted in Pensieri and tagged , , , .

Perché non lasci un commento? Saresti utile anche ad altri!