Lasciati salvare!

Condividi questo articolo su:

Novità! --Scarica "Lasciati salvare!" come un file PDF! --


Ora continuano a peccare, si fanno con il loro argento delle immagini fuse,
idoli di loro invenzione, che sono tutti opera d’artefici.

(Osea 13:2 – La Bibbia)

«Eppure, io sono il SIGNORE, il tuo Dio, fin dal paese d’Egitto;
tu non devi riconoscere altro Dio all’infuori di me,
all’infuori di me non c’è altro salvatore.

(Osea 13:4)

«È la tua perdizione, Israele, l’essere contro di me, contro il tuo aiuto.

(Osea 13:9)

Io li riscatterei dal potere del soggiorno dei morti,
li salverei dalla morte; sarei la tua peste, o morte;
sarei la tua distruzione, o soggiorno dei morti;
ma il loro pentimento è nascosto ai miei occhi!

(Osea 13:14)

O Israele, torna al SIGNORE, al tuo Dio, poiché tu sei caduto per la tua iniquità.
Preparatevi delle parole e tornate al SIGNORE! Ditegli:
«Perdona tutta l’iniquità e accetta questo bene; noi ti offriremo, invece di tori, l’offerta di lode delle nostre labbra.

(Osea 14:1-2)
Iscriviti alla newsletter

Ricevi via email i nuovi pensieri

Molti, pur ammettendo che possa esistere un Dio che ci ha creati, sono convinti che non ci sia alcun bisogno di preoccuparsene troppo in questa vita. In fondo, essi dicono, se Dio ci ha creati, ci ha lasciati soli su questa terra ad affrontare la vita con tutta la sofferenza che ciò comporta. Perché allora dovremmo preoccuparci di Lui?

In realtà, leggendo la bibbia, ci si rende conto che le cose non stanno esattamente così. Innanzitutto la bibbia fin dalle prime pagine ci fa comprendere che Dio ci ha creati affinché avessimo una relazione con Lui. Solo in seguito al peccato dell’uomo le cose sono cambiate e quella relazione si è interrotta. Ma il desiderio di Dio, fin dal principio, è sempre stato quello di ripristinare la comunione con l’uomo! L’argomento principale della bibbia è proprio la storia della salvezza, il piano di Dio per salvare l’uomo, un piano che culmina nella venuta di Gesù Cristo.

Già tra le pagine dell’antico testamento, come quella del profeta Osea da cui abbiamo tratto qualche brano, emerge chiaramente questo desiderio di Dio di salvare l’uomo il quale, invece, continua a seguire la propria strada, incurante dell’amore di Dio per lui.

La storia del popolo di Israele illustra molto bene questa dinamica relazionale. Dio ha scelto Israele per essere testimone dell’amore di Dio anche verso gli altri popoli ma i più in Israele lo avevano abbandonato, dandosi all’idolatria. In questi brani, leggiamo un appello struggente da parte di Dio verso un popolo che si stava dimenticando di ciò che Lui aveva fatto nel passato. Stavano dimenticando il proprio salvatore, il proprio aiuto.

È commovente il verso in cui Dio, attraverso il profeta Osea, dichiarò la sua disponibilità a salvarli dalla morte. Egli era pronto a intervenire e ad aiutarli ancora, ma purtroppo essi non stavano mostrando alcun segno di pentimento.

Cosa si aspettava il Signore da loro? Che tornassero a Lui dicendo:”Perdona tutta l’iniquità e accetta questo bene; noi ti offriremo, invece di tori, l’offerta di lode delle nostre labbra”. La lode che fosse scaturita da un cuore sincero e pentito sarebbe valsa ben più dell’offerta di tanti tori.

Non è vero che Dio non si interessa dell’uomo. Egli ha dato il suo unico Figlio, Gesù Cristo, per salvare l’uomo, affinché l’uomo non debba essere condannato per il suo peccato. Ma l’uomo continua a fare la sua strada anche oggi, proprio come accadeva in Israele ai tempi di Osea, e continua a rimanere lontano da Dio. Non c’è alcuna ricerca di Dio, non c’è alcun pentimento.

Uomo, sei perduto senza il tuo creatore. Perché non ritorni oggi a cercare Dio? Perché non rispondi al suo appello e torni ad avere una relazione con Lui? Perché non ti lasci salvare?

----------------------
Se vuoi avere maggiori informazioni sugli argomenti trattati in questo articolo, sentiti libero di contattarmi via mail o sui social networks.
Condividi questo articolo su:
Posted in Pensieri and tagged , , , , .

Perché non lasci un commento? Saresti utile anche ad altri!