Nel posto sbagliato

Condividi questo articolo su:

Novità! --Scarica "Nel posto sbagliato" come un file PDF! --


Giosafat ebbe ricchezze e gloria in abbondanza,
e contrasse parentela con Acab.
Dopo qualche anno scese a Samaria da Acab;
e Acab fece uccidere per lui
e per la gente che era con lui
un gran numero di pecore e buoi,
e lo convinse a marciare con lui contro Ramot di Galaad.
Acab, re d’Israele, disse a Giosafat, re di Giuda:
«Vuoi venire con me a Ramot di Galaad?»
Giosafat gli rispose:
«Conta su di me come su te stesso,
sulla mia gente come sulla tua,
e verremo con te alla guerra».
E Giosafat disse al re d’Israele:
«Ti prego, consulta oggi la parola del SIGNORE»…

… Quando i capitani dei carri scorsero Giosafat,
dissero: «Quello è il re d’Israele»;
e si diressero contro di lui per attaccarlo;
ma Giosafat mandò un grido,
e il SIGNORE lo soccorse;
e Dio li attirò lontano da lui.
Quando i capitani dei carri si accorsero che egli non era il re d’Israele,
cessarono di assalirlo…

…Giosafat, re di Giuda, tornò sano e salvo a casa sua a Gerusalemme.
Il veggente Ieu, figlio di Canani, andò incontro a Giosafat,
e gli disse: «Dovevi tu dare aiuto a un empio e amare quelli che odiano il SIGNORE?
Per questo fatto hai attirato su di te l’ira del SIGNORE.
Tuttavia si sono trovate in te delle buone cose,
poiché hai fatto sparire dal paese gli idoli di Astarte,
e hai applicato il tuo cuore alla ricerca di Dio».

(2Cronache 18:1-4,31-32; 19:1-3 – La bibbia)

Iscriviti alla newsletter

Ricevi via email i nuovi pensieri

A volte anche coloro che amano Dio si mettono nei pasticci facendo delle scelte sbagliate.

Giosafat, re di Giuda, era un buon re, una persona che temeva Dio, eppure si imparentò con Acab, uno dei più malvagi re d’Israele, attraverso il matrimonio dei loro figli. Quando si trovò a Samaria, ospite di Acab, era talmente legato alla famiglia di Acab che non seppe dire di no quando fu coinvolto in una guerra in cui non avrebbe dovuto prendere parte.

Giosafat accettò di partecipare senza riserve alla campagna proposta da Acab, ancora prima di conoscere il volere di Dio. Poi, anche se il profeta Micaia aveva previsto una disfatta (vedi “Contro corrente”), Giosafat mantenne fede al suo impegno con il re Acab.

Questa scelta scellerata lo portò molto vicino alla morte. Infatti, i soldati nemici, che avevano ricevuto l’ordine di attaccare solo Acab, lo scambiarono per quest’ultimo e stavano per ucciderlo… Giosafat stava per pagare cara la sua alleanza con Acab, ma il Signore, quando Giosafat gridò, ebbe compassione di lui e lo soccorse.

Tuttavia, Dio mandò il profeta Ieu a ricordare a Giosafat che il pericolo in cui si era trovato era proprio dovuto alla leggerezza con cui si era alleato con Acab.

Chissà quante volte, pur amando il Signore, ci siamo trovati, come Giosfat, a fare delle scelte sbagliate che ci hanno messo in una situazione difficile. Ma Dio, anche se non lo meritavamo, è intervenuto a soccorrerci.

Non possiamo, però, approfittare sempre dell’intervento di Dio per tirarci fuori dai pasticci. Come Ieu fece notare a Giosafat, dobbiamo imparare a valutare bene dove andiamo, cosa facciamo e con chi lo facciamo, per non trovarci poi nel posto sbagliato, costretti a gridare a Dio a causa di scelte fatte con leggerezza.

----------------------
Se vuoi avere maggiori informazioni sugli argomenti trattati in questo articolo, sentiti libero di contattarmi via mail o sui social networks.
Condividi questo articolo su:
Posted in Pensieri and tagged .

One Comment

Perché non lasci un commento? Saresti utile anche ad altri!