Non devo dire grazie a nessuno?

30apr-nabucodonosor_ris

 Dodici mesi dopo,
mentre passeggiava sul terrazzo del palazzo reale di Babilonia,
il re disse:
«Non è questa la grande Babilonia
che io ho costruita come residenza reale
con la forza della mia potenza
e per la gloria della mia maestà?»

(Daniele 4:29-30 – LA BIBBIA)

Play
Iscriviti alla newsletter -
- Non perdere i pensieri di Oggi in Cristo!

- Iscriviti e riceverai ogni nuovo pensiero pubblicato.

Potrai cancellare l'iscrizione cliccando sul link presente in ogni email.

 

Quando ho letto questo brano mi sono ricordato di Fantaman, un vecchio cartone animato giapponese arrivato in Italia negli anni ’80. In esso il cattivo di turno, dr. Zero, ripeteva in ogni puntata il tormentone:”Il mondo è mio!”

Mio, mio, mio. Io, io, io. Quanto amiamo noi esseri umani darci delle gran pacche sulla spalla da soli! Quanto amiamo vantarci di ciò che sappiamo fare e dei risultati che abbiamo ottenuto.

Nabuconosor, guardando Babilonia, la vedeva bella, grande, magnifica e soprattutto… sua.

Sua. Fatta da lui, per i suoi meriti e per il suo godimento.

Nabucodonosor era stato avvertito in precedenza, dal famoso Daniele, a mutare il suo comportamento finché fosse stato in tempo, ma Nabucodonosor non riuscì a resistere. L’alterigia lo dominava dalla punta del naso alle dita dei piedi.

Se c’è una cosa che Dio proprio non sopporta nell’essere umano è l’orgoglio che porta l’uomo a mettere sé stesso su un piedistallo, dimenticando che c’è un creatore che dona a tutti la vita e se la riprende quando vuole.

Oh, quanti uomini nella storia, come Nabucodonosor, si sono montati la testa, pensando di essere invincibili. Alcuni hanno pensato addirittura di essere degli dei. E dove sono ora?

Quanti Nabucodonosor ci sono in giro ancora oggi. Quanti individui che si vantano di “essersi fatti da soli”, di non dover “dire grazie a nessuno”.

Ma è davvero così? Non c’è davvero nessuno a cui dire grazie per ciò che abbiamo, per ciò che facciamo, per il solo fatto di esistere e respirare?

Molti credono che sia così.  Io preferisco essere riconoscente al Signore per la mia vita e tutto ciò che mi ha donato. E voi? Volete continuare  ad illudervi di essere gli artefici del vostro destino? In tal caso,vi auguro di avere il privilegio che ebbe Nabucodonosor. Quale? Prendetevi del tempo per riflettere: lo scopriremo domani…

(Vuoi sapere come ha reagito Dio all’orgoglio di Nabucodonosor? Leggi la riflessione di domani)

2 Comments

Perché non lasci un commento? Saresti utile anche ad altri!