Ritorno alla gloria Evangelo di Giovanni - Episodio 65

Condividi questo articolo su:
Questo articolo è la parte 65 di 90 nella serie Evangelo di Giovanni

Naviga nella serie

«Io ho vinto il mondo

Nel mondo ma non del mondo»


Novità! --Scarica "Ritorno alla gloria" come un file PDF! --


Gesù disse queste cose; poi, alzati gli occhi al cielo, disse: «Padre, l’ora è venuta; glorifica tuo Figlio, affinché il Figlio glorifichi te, giacché gli hai dato autorità su ogni carne, perché egli dia vita eterna a tutti quelli che tu gli hai dati. Questa è la vita eterna: che conoscano te, il solo vero Dio, e colui che tu hai mandato, Gesù Cristo. Io ti ho glorificato sulla terra, avendo compiuto l’opera che tu mi hai data da fare. Ora, o Padre, glorificami tu presso di te della gloria che avevo presso di te prima che il mondo esistesse.

(Giovanni 17:1-5 – La Bibbia)
Iscriviti alla newsletter

Ricevi via email i nuovi pensieri

indice-giovanni

L’ora è venuta. Tante volte in questo evangelo abbiamo letto che la sua ora non era ancora venuta, motivo per cui nessuno era riuscito ad arrestarlo fino a quel momento. Gesù era stato chiaro quando aveva detto che nessuno poteva prendere la sua vita se non fosse stato lui a deporla (Gv 10:17-18). Ora era venuto quel momento, il momento stabilito da Dio prima che il mondo fosse creato, il momento che avrebbe spaccato in due la storia dell’umanità, l’evento mediante il quale l’uomo avrebbe potuto ritrovare la pace con Dio.

Ma Gesù non sarebbe rimasto nella tomba! Infatti egli aveva glorificato il Padre durante tutto il suo ministero terreno, facendo la sua volontà in ogni cosa, e lo avrebbe glorificato in particolare completando la sua missione sulla croce. A sua volta il Padre avrebbe quindi glorificato il Figlio presso di lui della gloria che aveva presso di lui prima che il mondo esistesse. Gesù si stava riferendo infatti al suo ritorno al Padre. Al termine della sua missione, il Figlio e il Padre avrebbero ancora condiviso la gloria che già condividevano da sempre. Gesù sarebbe presto tornato alla gloria che gli spettava, alla quale aveva rinunciato per un tempo per salvare l’umanità.

Nel glorificare Dio attraverso la croce Gesù avrebbe anche affermato la propria autorità nel dare vita eterna. In un gesto che poteva sembrare una sconfitta agli occhi del mondo, Gesù stava invece trionfando vittorioso sul mondo e sulla morte, affermando la sua autorità divina, dimostrando di essere la sorgente della vita eterna, l’unico in grado di dare la vita eterna all’umanità. Tale autorità appartiene solo a Gesù Cristo in virtù della sua opera sulla croce e della sua risurrezione. In nessun altro c’è vita eterna, in nessun altro c’è salvezza.

Il vangelo di Giovanni comincia proprio con l’affermazione secondo cui nella Parola (Gesù) era la vita (Gv 1:4). Ora questo principio viene riaffermato perché Gesù è Colui che ci ha dato la vita biologica, colui mediante il quale ogni cosa è venuta all’esistenza, ma egli è anche colui che ci può rendere partecipi della vita eterna.

La vita eterna non è solo una vita che non avrà mai fine ma è anche una vita qualitativamente migliore perché è la vita di Dio in noi.
È una vita di cui già oggi possiamo avere la caparra, perché Dio tramite lo Spirito Santo può venire a dimorare in noi. L’essenza della vita eterna è infatti la conoscenza di Dio, la partecipazione alla vita di Dio. Il Signore Gesù Cristo è venuto proprio perché potessimo avere la vita attraverso di lui. Riconoscendo il nostro stato di peccatori davanti a Dio e riconoscendo che possiamo essere riconciliati con Dio solo attraverso ciò che Gesù ha fatto per noi sulla croce, possiamo avvicinarci a Dio con la certezza che Egli può perdonarci perché Gesù ha già pagato il nostro debito!

Vuoi avere vita eterna? Non l’avrai attraverso i tuoi sforzi, attraverso le tue opere, attraverso la tua bravura… La vita eterna sta nella conoscenza dell’unico vero Dio che si è manifestato in Gesù Cristo. Non è solo qualcosa che riguarda il futuro ma qualcosa che puoi avere già oggi.

La vita eterna passa per la conoscenza di Gesù Cristo e di ciò che lui ha fatto per noi. Quando crediamo in lui, ci identifichiamo in ciò che lui ha fatto e siamo uniti a lui nella sua morte e nella sua risurrezione. Come lui è morto e risorto, anche noi siamo morti con lui e rinati a nuova vita. L’unione con Gesù Cristo rende possibile l’unione con il Padre. L’opera dello Spirito Santo in noi sigilla proprio la nostra unione con il Padre e con il Figlio e ci dona la certezza di avere la vita eterna. E tu, hai già questa certezza?

----------------------
Se vuoi avere maggiori informazioni sugli argomenti trattati in questo articolo puoi scrivermi a [email protected] Aiutami a diffondere i pensieri di questo blog condividendo sui social newtworks. Grazie
Condividi questo articolo su:
Posted in Pensieri and tagged , .

Perché non lasci un commento? Saresti utile anche ad altri!