Il segreto del tuo successo


Novità! --Scarica "Il segreto del tuo successo" come un file PDF! --


Perciò avrò cura di ricordarvi continuamente queste cose,
benché le conosciate e siate saldi nella verità che è presso di voi.
E ritengo che sia giusto, finché sono in questa tenda,
di tenervi desti con le mie esortazioni.
So che presto dovrò lasciare questa mia tenda,
come il Signore nostro Gesù Cristo mi ha fatto sapere.
Ma mi impegnerò affinché dopo la mia partenza
abbiate sempre modo di ricordarvi di queste cose.

(2Pietro 1:12-15)
Iscriviti alla newsletter

Ricevi via email i nuovi pensieri

Forse non te ne sei accorto, ma in queste parole è nascosto il segreto del tuo successo dal punto di vista spirituale.

Mi spiego meglio.

Normalmente un uomo a cui non resta molto da vivere dedica le sue ultime parole a comunicare le cose più importanti, quelle che gli stanno più a cuore, alle persone che gli stanno più vicino. Nelle parole che abbiamo appena letto, Pietro ribadisce ai credenti lo scopo di questa epistola, ovvero quello di ricordare loro le cose che riteneva fondamentali per la loro fede.

In base a ciò che Gesù gli aveva detto (vedi Giovanni 21:18-19) egli sapeva con quale morte avrebbe glorificato Dio e, essendo piuttosto anziano, si aspettava ormai che le parole di Gesù si realizzassero da un momento all’altro. Per questo motivo egli riteneva che fosse un suo dovere continuare ad esortare i suoi fratelli per fissare le cose importanti nella loro memoria affinché, anche dopo la sua morte, potessero rimanere saldi nella verità. Essi conoscevano già quelle cose ma Pietro voleva assicurarsi che non ci fossero dubbi sui fondamenti della fede, d’altra parte dalla solidità delle fondamenta dipende la buona riuscita di qualunque costruzione.

Se si legge l’intera epistola ci si rende conto della preoccupazione di Pietro riguardo ai falsi insegnamenti che si sarebbero infiltrati nella chiesa di Cristo danneggiandola e portando molte persone ad allontanarsi dalla fede. Per questo motivo egli volle fornire ai credenti un antidoto sicuro verso qualunque eresia.

E qual’è questo antidoto? Come avrebbero potuto i credenti anche nei secoli successivi far fronte a tutti gli attacchi che la fede cristiana avrebbe subito? Come poteva Pietro prevedere tutti i tipi di attacco possibile?

La risposta è semplice: solo se conosci bene la moneta vera sarai in grado di riconoscere tutte le monete false. Per questo motivo, Pietro non spese tempo ad analizzare tutte le false dottrine ma dedicò il suo tempo ad esortare i credenti ad essere sempre più saldi nella verità che già conoscevano ed a crescere sempre di più nella conoscenza di Dio, attraverso l’ubbidienza agli insegnamenti apostolici e alle scritture.

Molti cercano oggi di crescere nella fede attraverso la ricerca della novità, sperano magari di poter scoprire il segreto di una vita spirituale vittoriosa tra le pagine dell’ultimo libro uscito. Ma il vero segreto per una vita cristiana “al top” è riscoprire e rinsaldare il nostro rapporto con Dio, crescere nella nostra conoscenza di lui attraverso l’ubbidienza ai suoi insegnamenti e non andando alla ricerca di chissà quali novità spirituali.

Ecco perché Pietro, fino alla fine della sua vita, continuò a ripetere le stesse cose ai credenti, ricordando anche a noi che le cose più importanti per la nostra vita cristiana probabilmente le conosciamo già ma abbiamo bisogno di ritrovarle nella scrittura, di fissarle bene nella nostra memoria e di viverle con l’aiuto di Dio. Il segreto non sta nella ricerca della novità ma nel vivere la verità del vangelo giorno dopo giorno.

----------------------
Se vuoi avere maggiori informazioni sugli argomenti trattati in questo articolo, sentiti libero di contattarmi via mail o sui social networks.
Posted in Pensieri and tagged .

Perché non lasci un commento? Saresti utile anche ad altri!