Siamo figli di Dio! Prima lettera di Giovanni - Episodio 8

Condividi questo articolo su:
Questo articolo è la parte 8 di 17 nella serie 1 lettera di Giovanni

Naviga nella serie

«Fermi dove siete!

Vittoriosi sul peccato»


Novità! --Scarica "Siamo figli di Dio!" come un file PDF! --


E ora, figlioli, rimanete in lui affinché, quand’egli apparirà, possiamo aver fiducia e alla sua venuta non siamo costretti a ritirarci da lui, coperti di vergogna.
Se sapete che egli è giusto, sappiate che anche tutti quelli che praticano la giustizia sono nati da lui.
Vedete quale amore ci ha manifestato il Padre, dandoci di essere chiamati figli di Dio! E tali siamo.
Per questo il mondo non ci conosce: perché non ha conosciuto lui. Carissimi, ora siamo figli di Dio, ma non è stato ancora manifestato ciò che saremo. Sappiamo che quand’egli sarà manifestato saremo simili a lui, perché lo vedremo com’egli è. E chiunque ha questa speranza in lui, si purifica com’egli è puro.

(1 Giovanni 2:28-3:3 – La Bibbia)
Iscriviti alla newsletter

Ricevi via email i nuovi pensieri

Indice generale della serie sulla prima lettera di Giovanni

Quando ci convertiamo e conosciamo Dio, ognuno di noi ha alle spalle una storia diversa ma siamo tutti peccatori bisognosi del perdono di Dio. La bibbia dice che non c’è nessun giusto, neppure uno (Ro 3:19), tutti hanno peccato e sono privi della gloria di Dio ma sono giustificati gratuitamente per la sua grazia (Ro 3:23). Gesù Cristo è morto al posto nostro proprio perché nessuno di noi avrebbe mai potuto essere giustificato da Dio attraverso le proprie opere. Nessuno di noi è in grado di praticare la giustizia in maniera perfetta.

Ma questa è solo una parte della verità. Sarebbe sbagliato affermare che noi esseri umani non siamo MAI in grado di praticare la giustizia. Infatti dopo la nostra conversione, dopo aver sperimentato la nuova nascita, attraverso l’opera dello Spirito Santo in noi, Dio vuole che impariamo a praticare la giustizia. Noi non saremo mai salvati per la nostra giustizia, ma Dio vuole trasformarci comunque in persone che servono la giustizia, che praticano la giustizia. Anche se siamo comunque creature che peccano, Dio ci ha comunque liberato dall’essere schiavi del peccato per renderci servi della giustizia (Ro 6:18).

Ecco perché questo brano dice che quelli che praticano la giustizia sono nati da Dio. Infatti solo i figli di Dio possono imitare il loro Padre onorandolo e servendolo con le loro parole e con le loro azioni. Nessun essere umano può con le sue forze essere giusto davanti a Dio, ma tutti quelli che sono guidati dallo Spirito di Dio, sono figli di Dio (Ro 8:14) e lo Spirito di Dio ci guida proprio nel praticare la giustizia, nell’ubbidire a Dio.

Che cosa si aspetta un Padre se non di vedere i propri figli che lo onorano attenendosi ai suoi insegnamenti? E cosa c’è di strano se un figlio che ama suo padre vuole fare tutto il possibile per renderlo fiero di lui?

Ecco da cosa riconosceremo un cristiano rigenerato da Dio, una nuova creatura che ama Dio, un figlio di Dio. Come Giovanni afferma, un figlio di Dio rimarrà in lui, camminando secondo i suoi insegnamenti, in attesa del ritorno di Gesù Cristo e, proprio per questo motivo attende con fiducia sapendo che non dovrà vergognarsi quando Gesù tornerà.

Quelli che sono nati da Dio li riconosciamo perché, pur essendo peccatori come tutti, non ameranno vivere nel peccato ma, guidati dallo Spirito Santo, cercheranno di praticare la giustizia, di ubbidire a Dio con tutte le loro forze. Certamente a volte falliranno, ma confesseranno a Dio il loro peccato, e con il suo aiuto si rialzeranno e ritorneranno sulla strada maestra.

Abbiamo l’onore di essere chiamati figli di Dio! Per rendere possibile questo, Dio ci ha amati così tanto da dare suo Figlio affinché morisse al nostro posto.

E ora che siamo figli di Dio, in attesa che la nostra redenzione sia completa, in attesa che sia manifestato ciò che saremo, in attesa di incontrare il nostro Signore Gesù Cristo per ricevere anche noi un corpo glorioso che vivrà per sempre e non sarà più soggetto a corruzione, in attesa che la nostra speranza diventi una splendida realtà, non possiamo fare altro che purificarci sempre di più, anelando ad assomigliare sempre di più a Gesù Cristo.

Purtroppo questi concetti molto semplici sembrano totalmente ignorati da molti che professano di essere cristiani oggi. Molti credono che, siccome siamo tutti peccatori, anche dopo la conversione non cambia nulla e Dio non si aspetta nulla da noi. Questo è molto triste perché denota una scarsa fiducia nella capacità di Dio di trasformarci attraverso l’opera dello Spirito Santo. Dio ci salva così come siamo ma riusciamo a comprendere che egli non ci lascia così come siamo? Il nostro Padre celeste ci trasforma a immagine di suo Figlio, aspettandosi che camminiamo nelle sue vie!

Questo è il cammino di ogni figlio di Dio, questo è ciò che caratterizza la sua vita giorno dopo giorno. Ti riconosci in questa descrizione?

----------------------
Se vuoi avere maggiori informazioni sugli argomenti trattati in questo articolo puoi scrivermi a [email protected] Aiutami a diffondere i pensieri di questo blog condividendo sui social newtworks. Grazie
Condividi questo articolo su:
Posted in Pensieri and tagged , , .

Perché non lasci un commento? Saresti utile anche ad altri!