Siamo qui per caso?

Condividi questo articolo su:

Novità! --Scarica "Siamo qui per caso?" come un file PDF! --


Nel principio
Dio creò
i cieli e la terra.

(Genesi 1:1 – LA BIBBIA)
Ascolta audio mp3
Esegui
Iscriviti alla newsletter

Ricevi via email i nuovi pensieri

A volte incontro delle persone che mi dicono: “Ma proprio tu che hai studiato, sei un ingegnere, credi ancora a queste cose? Come puoi credere in Dio?”

Dal mio punto di vista, il fatto di aver studiato, o di avere una certa cultura, non ha nulla a che vedere con la fede in un Dio creatore. Anzi, nel mio caso, posso dire che la mia mente abituata all’analisi e al ragionamento ha trovato conferme nel racconto biblico più che pietre di inciampo.

Proprio perché sono una persona concreta, guardandomi intorno non posso fare altro che rilevare un mondo fatto di cose costruite da qualcuno. La sedia su cui sono seduto in questo momento è stata costruita da qualcuno, così pure come l’appartamento in cui abito o la macchina che guido abitualmente.

Così, non sono sorpreso quando aprendo la bibbia mi imbatto nella prima frase: “Nel principio Dio creò i cieli e la terra”. È una cosa assolutamente logica. Così come tutto intorno a me è stato progettato e costruito da qualcuno, non mi stupisco che qualcosa di più complesso come l’universo e la vita stessa abbia necessitato di un progettista decisamente più “avanzato” di noi piccoli esseri umani.

Molti considerano la fede qualcosa di infantile. Eppure conosco molti che possono testimoniare di aver cominciato a credere in Dio proprio in età adulta, talvolta molto avanzata. Come vi spiegate tutto questo? Se Dio non esiste, perché, ad un certo punto della loro vita, delle persone dicono di averlo “incontrato”? Cosa succede a tutte queste persone? Sono forse tutte impazzite? Sono pazzo anche io? E poi, credere che siamo qui per puro caso è davvero dimostrazione di intelligenza?

Qualcuno pensa che Dio sia in fondo un tappabuchi che molti di noi utilizzano per riempire le proprie lacune esistenziali. Ma siamo seri: perché dovremmo farlo? Non potremmo vivere come tutti gli altri?

Se non fossi certo dell’esistenza di Dio, per quale motivo dovrei spendere il mio tempo a coltivare un’illusione e a propagandarla ad altri? E se ne sono certo,  come ho raggiunto tale certezza?

Quando apriamo la bibbia non ci viene spiegata l’origine di Dio. Ci troviamo di fronte ad un dato di fatto che ci spiazza: nel principio Dio creò i cieli e la terra.

Dio esiste o non esiste. Pertanto qualunque persona di buon senso, prima di scartare a priori l’esistenza di Dio, dovrebbe domandarsi come hanno fatto altri ad esserne così sicuri, pur non essendo, all’apparenza, persone fuori di senno. Di fronte a questa frase con cui si apre la bibbia, ognuno di noi dovrebbe umilmente farsi delle domande. Il Dio che ha fatto i cieli e la terra non si rivelerà a noi se noi lo cerchiamo davvero? Invece di escluderlo a priori, perché non chiedergli di rivelarsi e di aiutarci a capire?

Credimi, quando la luce penetra nella tua vita e la  illumina, non hai più bisogno che qualcuno ti dimostri che la luce esiste.

----------------------
Se vuoi avere maggiori informazioni sugli argomenti trattati in questo articolo, sentiti libero di contattarmi via mail o sui social networks.
Condividi questo articolo su:
Posted in Pensieri and tagged .

Perché non lasci un commento? Saresti utile anche ad altri!