SOS Ansia

Omar Stroppiana

Omar Stroppiana

Ciao, mi chiamo Omar Stroppiana. Sono un ingegnere elettronico e lavoro a Torino nel campo automotive. Sono sposato e padre di 2 figli. Sono un cristiano e sono un appassionato lettore della bibbia. Su questo blog condivido alcune riflessioni bibliche giornaliere. Io sono membro di una assemblea cristiana evangelica, tuttavia, questo sito non vuole promuovere una denominazione specifica ma una genuina fede in Gesù Cristo. Questo sito inoltre non ospita pubblicità a pagamento. Se vuoi metterti in contatto con me puoi farlo utilizzando i seguenti contatti:

Potrebbe anche interessarti...

4 risposte

  1. Ingrid scrive:

    ciao Omar,
    mi ha colpito molto questa riflessione ..e spero colpisca tanti altri perchè abbiamo bisogno di invocare Dio e averLo dalla nostra parte sempre.

    • Omar Stroppiana OmarStroppiana scrive:

      Ciao Ingrid,
      mi fa piacere che ti sia stata utile. Ti assicuro che il primo a cui è stata utile sono proprio io. Quanto ho bisogno di imparare sempre di più ad affidarmi a Dio e a godermi la sua pace!

  2. Nicola Martella scrive:

    QUANTA PACE TI PUOI PERMETTERE
    OGGI?

    Mi è
    capitato di rileggere questo verso: «Cristo
    è la nostra pace» (Ef 2,14). Come figli di Dio dobbiamo rapportare tutto a Cristo,
    anche i nostri problemi e chiederci: «Che cosa ha a che fare tutto ciò con Cristo?». Ciò relativizza
    il problema stesso, permette di guardare alla sua soluzione e c’induce anche a cambiare
    qualcosa nella nostra vita in relazione al Signore.

    La prossima domanda è la seguente: «Che
    cosa devo cambiare nella mia vita riguardo
    al problema, che ho ora, per piacere a Cristo?». In ciò dobbiamo prendere il punto di vista del Signore sul problema;
    allora vediamo che esso può improvvisamente apparirci del tutto diverso
    rispetto alle nostre valutazioni precedenti.

    E se siamo disposti allora a ubbidire a Cristo, nonostante tutto e tutti,
    allora vediamo che il pesante problema diventa spesso come nebbia, che svanisce
    al sole. Fatto ciò, che il Signore ci chiede, ossia prendendo il giogo di Cristo
    sopra di noi (Mt 11,28ss) in tale specifica situazione, sentiamo pace e riposo, nonostante i problemi. Detto in modo differente, ciò è quello, che affermò
    l’apostolo Paolo: «Il Signore è
    vicino. Non siate con ansietà solleciti di cosa alcuna; ma in ogni cosa
    siano le vostre richieste rese note a Dio in preghiera e supplica con ringraziamenti.
    E la pace di Dio, che supera ogni
    intelligenza, custodirà i vostri cuori e i vostri pensieri in Cristo Gesù» (Fil 4,6s). Quindi…

    ~~> Discuti questo tema qui o sulla pagina Facebook d’origine (per commentare lì,
    potrebbe essere necessario cliccare prima su «mi piace»): https://www.facebook.com/notes/fede-vivente/quanta-pace-ti-puoi-permettere-oggi/599133343451237

    Il
    resto dello scritto si trova sul sito.

    [CONTINUA LA LETTURA: http://www.diakrisis.altervista.org/_Disc/T1-Pace_oggi_Lv.htm
    ] Solo dopo aver letto l’intero scritto, voi che rispondereste nel
    merito alle questioni in esso contenute? {Nicola Martella}

  3. David Savino scrive:

    Grazie!!!

Perché non lasci un commento? Saresti utile anche ad altri!

Newsletter nuovi articoli:
Iscriviti