Un uomo da dimenticare Libro di Rut - Episodio 10

Questo articolo è la parte 10 di 13 nella serie Libro di Rut

Novità! --Scarica "Un uomo da dimenticare" come un file PDF! --


Ascolta audio mp3
Boaz salì alla porta della città e là si mise seduto. Ed ecco passare colui che aveva il diritto di riscatto e del quale Boaz aveva parlato. E Boaz gli disse: «O tu, tal dei tali, vieni, siediti qua!» Quello s’avvicinò e si mise seduto. Boaz allora prese dieci uomini fra gli anziani della città e disse loro: «Sedetevi qui». E quelli si sedettero.
Poi Boaz disse a colui che aveva il diritto di riscatto: «Naomi, che è tornata dalle campagne di Moab, mette in vendita la parte di terra che apparteneva a Elimelec nostro fratello. Ho creduto giusto informartene, e dirti: Acquistala, in presenza di quanti sono qui seduti e degli anziani del mio popolo. Se vuoi far valere il tuo diritto di riscatto, fallo; ma, se non lo vuoi far valere, dimmelo, perché io lo sappia; infatti non c’è nessuno, all’infuori di te, che abbia il diritto di riscatto; e, dopo di te, vengo io». Quegli rispose: «Farò valere il mio diritto». Allora Boaz disse: «Il giorno che acquisterai il campo dalla mano di Naomi, tu lo acquisterai anche da Rut, la Moabita, moglie del defunto, per far rivivere il nome del defunto nella sua eredità». Colui che aveva il diritto di riscatto rispose: «Io non posso far valere il mio diritto, perché rovinerei la mia eredità; subentra tu nel mio diritto di riscatto, poiché io non posso avvalermene».
C’era in Israele quest’antica usanza, per render valido un contratto di riscatto o di cessione di proprietà: uno si toglieva la scarpa e la dava all’altro; era il modo di testimoniare in Israele. Così, colui che aveva il diritto di riscatto disse a Boaz: «Acquistala per conto tuo», e si tolse la scarpa.
(Rut 4:1-8 – La Bibbia)

Iscriviti per ricevere via email i nuovi pensieri pubblicati

Indice generale della serie sul libro di Rut

Il momento della verità era arrivato. Finalmente Boaz avrebbe saputo se poteva andare avanti nel suo intento di sposare Rut.
Incontrò quindi l’altro parente, più prossimo di lui, che poteva esercitare il diritto di riscatto.

Come si usava fare il dibattimento avvenne alla porta della città dove si poteva ratificare un contratto di fronte a testimoni che ne potessero certificare la validità.

La prima questione che Boaz spiegò al suo interlocutore riguardava il riscatto della terra che era appartenuta ad Elimelec. Il marito di Naomi era partito da Betlemme durante una carestia e si era stabilito in Moab, quindi probabilmente aveva venduto quella proprietà con la speranza che i figli potessero riscattarla in futuro. Ma poi Elimelec era morto ed erano morti anche i suoi due figli. Pertanto non c’era nessuno che potesse riacquistare ed ereditare quel terreno che quindi non sarebbe più appartenuto alla loro famiglia. La legge (Levitico 25:15) prevedeva la possibilità che un parente prossimo intervenisse per riacquistare la terra in modo che rimanesse nella famiglia:

«”Se uno dei vostri diventa povero e vende una parte della sua proprietà, colui che ha il diritto di riscatto, il suo parente più prossimo, verrà e riscatterà ciò che suo fratello ha venduto.

L’interlocutore di Boaz espresse il desiderio di avvalersi di quel diritto. Evidentemente gli sembrava un buon investimento: faceva bella figura con la famiglia e comunque poteva disporre di quel terreno a suo piacimento.

Ma Boaz non gli aveva ancora svelato la seconda parte del programma…

Infatti il secondo aspetto riguardava Rut e la possibilità di “far rivivere il nome del defunto (marito di Rut) nella sua eredità”. In sostanza, la nuora di Elimelec e Naomi aveva manifestato la sua intenzione di risposarsi per cercare di dare una discendenza al marito defunto. In questo caso la legge di riferimento era quella che troviamo in Deuteronomio 25:5-6:

“Se dei fratelli staranno insieme e uno di loro morirà senza lasciare figli, la moglie del defunto non si sposerà fuori, con uno straniero; suo cognato verrà da lei e se la prenderà per moglie, compiendo così verso di lei il suo dovere di cognato; e il primogenito che lei partorirà porterà il nome del fratello defunto, affinché questo nome non sia estinto in Israele.”

La legge prevedeva che ci si potesse rifiutare di sposare la cognata, anche se questo sarebbe stato un disonore (si veda De 25:7-10). Dalla legge non si evince che tale responsabilità si estendesse oltre il cognato ad altri parenti prossimi, tuttavia era un gesto che Boaz era pronto a fare per Rut. Quell’uomo invece non voleva dissipare la propria eredità; probabilmente era sposato e aveva già altri figli e il primogenito di quell’unione avrebbe ereditato quel terreno ma sarebbe stato anche suo erede come figlio naturale. A mi quel punto egli ributtò la palla nel campo di Boaz.

Boaz probabilmente non era sposato e non aveva quindi di questi problemi, ma soprattutto era ben contento di poter sposare una donna tanto virtuosa senza badare alle conseguenze economiche.

Leggendo questo brano notiamo una particolarità: il nome di quell’individuo non è nemmeno riportato. L’autore del libro di Rut, ispirato da Dio, non ha ritenuto necessario rivelarci il suo nome, infatti Boaz si rivolse a lui come ad un “tal de tali”, un uomo qualunque.

D’altra parte, se ci pensiamo bene, si tratta proprio di un uomo da dimenticare… Infatti egli perse l’occasione di fare del bene alla famiglia di Naomi e Rut solo perché non gli conveniva! Quell’uomo non poteva sapere che, rinunciando a sposare Rut, stava rinunciando ad entrare nella storia e a diventare, come vedremo, progenitore del grande re Davide e del Signore Gesù Cristo.

Anche Boaz non poteva sapere che il suo nome sarebbe stato ricordato in futuro per ciò che stava facendo, ma colse l’occasione di fare del bene, non guardò al proprio interesse e agì solo per amore di Rut e Naomi. Così agisce un vero riscattatore!

Quel tal dei tali non era cattivo, ma perse l’occasione che Dio gli aveva dato per entrare nella storia e rimase un uomo ordinario, non disposto ad andare oltre i propri obblighi, destinato a rimanere nell’anonimato. L’ultima immagine che abbiamo di quel “tal dei tali” è un uomo con una scarpa in mano a testimoniare la sua rinuncia. Poi di lui non sappiamo più nulla. D’altra parte è solo un uomo da dimenticare.

Quante volte anche noi abbiamo l’occasione di fare gesti che possono fare la differenza nella nostra vita e in quella degli altri? Quante volte rinunciamo solo per egoismo, perché le nostre priorità sono diverse, perché non pensiamo che sia il momento opportuno? Chissà, quanti di noi avrebbero potuto cambiare la propria storia e quella degli altri e invece siamo rimasti solo uomini e donne da dimenticare.

Naviga nella serie<< Un uomo perbeneChe Dio ti benedica! >>
Se vuoi avere maggiori informazioni sugli argomenti trattati in questo articolo, sentiti libero di contattarmi via mail o sui social networks.
Posted in Pensieri and tagged , , .

Perché non lasci un commento? Saresti utile anche ad altri!