Un’offerta volontaria


Novità! --Scarica "Un'offerta volontaria" come un file PDF! --


Per questo mi ama il Padre;
perché io depongo la mia vita
per riprenderla poi.
Nessuno me la toglie,
ma io la depongo da me.
Ho il potere di deporla
e ho il potere di riprenderla.
Quest’ordine ho ricevuto dal Padre mio.

(Giovanni 10:17-18 – LA BIBBIA)

«Uomini d’Israele, ascoltate queste parole! Gesù il Nazareno, uomo che Dio ha accreditato fra di voi mediante opere potenti, prodigi e segni che Dio fece per mezzo di lui, tra di voi, come voi stessi ben sapete, quest’uomo, quando vi fu dato nelle mani per il determinato consiglio e la prescienza di Dio, voi, per mano di iniqui, inchiodandolo sulla croce, lo uccideste; ma Dio lo risuscitò, avendolo sciolto dagli angosciosi legami della morte, perché non era possibile che egli fosse da essa trattenuto.

(Atti 2:22-24)
Iscriviti alla newsletter

Ricevi via email i nuovi pensieri

Da secoli si dibatte su chi siano stati i responsabili principali della morte di Gesù.

Qualcuno dice che la colpa è dei Romani. Se Pilato non se ne fosse lavato le mani, chissà…

Altri dicono che la colpa è degli Ebrei.
Tra gli Ebrei, poi, si discute su chi abbia avuto la maggiore responsabilità. I Capi dei sacerdoti? Gli scribi e i farisei? E cosa dire di Giuda? Se Giuda non lo avesse tradito forse le cose sarebbero andate diversamente…

Ma se egli era davvero figlio di Dio, come diceva di essere, come mai sono riusciti ad ucciderlo?

Fino alla fine, anche tutti quelli che gli stavano intorno si facevano beffe di lui. Dicevano:«Eh, tu che distruggi il tempio e lo ricostruisci in tre giorni, salva te stesso e scendi giù dalla croce!» Allo stesso modo anche i capi dei sacerdoti con gli scribi, beffandosi, dicevano l’uno all’altro: «Ha salvato altri e non può salvare sé stesso.
Il Cristo, il re d’Israele, scenda ora dalla croce, affinché vediamo e crediamo!» Anche quelli che erano stati crocifissi con lui lo insultavano. (Matteo 27:40-42, Marco 29:30-32)

Eppure Gesù non scese dalla croce.

Pietro, dopo la risurrezione di Gesù e la ricezione dello Spirito Santo, aveva le idee ben chiare su come fossero andate le cose. Gesù fu ucciso perché fu dato nelle mani degli uomini “per il determinato consiglio e la prescienza di Dio”. Gli uomini furono strumenti ma non avrebbero potuto fare niente a Gesù se il Padre non lo avesse voluto e se Gesù stesso, come abbiamo letto, non avesse scelto di deporre la propria vita per poi riprendersela.

Gesù non salvò se stesso anche se avrebbe potuto farlo. Nessuno averebbe potuto togliergli la vita se lui stesso non glielo avesse permesso.

Gli uomini lo avevano tradito, arrestato, insultato, picchiato… Ma tutto questo non sarebbe stato possibile se Gesù non avesse scelto di lasciarsi trattare così. Perché? Perché questo era l’ordine che aveva ricevuto dal Padre.

Il Padre ha stabilito che a Lui venisse inflitta la condanna di morte che spettava a noi. Noi meritavamo di pagare per i nostri peccati ma Gesù ha scelto di essere in sintonia con il Padre e dare la sua vita per noi.

Ma il piano di Dio prevedeva non solo la morte ma anche la risurrezione di Gesù, infatti non era possibile che egli fosse trattenuto dalla morte. Egli depose la sua vita, ma poi se la riprese, come aveva detto.

L’offerta di Gesù fu un’offerta volontaria, in sintonia con la volontà del Padre. Ecco quanto ci ha amato.

Quindi è inutile discutere su chi siano stati i colpevoli della morte di Gesù, perché tutto è avvenuto comunque per volontà di Dio. Se proprio vogliamo cercare dei colpevoli, guardiamoci allo specchio, perché lui ha dato la sua vita sulla croce morendo proprio al nostro posto.

----------------------
Se vuoi avere maggiori informazioni sugli argomenti trattati in questo articolo, sentiti libero di contattarmi via mail o sui social networks.
Posted in Pensieri and tagged .

Perché non lasci un commento? Saresti utile anche ad altri!