Una pioggia di benedizioni Libro di Rut - Episodio 12

Questo articolo è la parte 12 di 13 nella serie Libro di Rut

Novità! --Scarica "Una pioggia di benedizioni" come un file PDF! --


Ascolta audio mp3
Così Boaz prese Rut, che divenne sua moglie.
Egli entrò da lei, e il SIGNORE le diede la grazia di concepire;
e quella partorì un figlio.
E le donne dicevano a Naomi: «Benedetto il SIGNORE,
il quale non ha permesso che oggi ti mancasse uno con il diritto di riscatto!
Il suo nome sia celebrato in Israele!
Egli consolerà l’anima tua e sarà il sostegno della tua vecchiaia;
l’ha partorito tua nuora che ti ama, e che vale per te più di sette figli».
E Naomi prese il bambino, se lo strinse al seno, e gli fece da nutrice.
(Rut 4:13-16 – La Bibbia)

Iscriviti per ricevere via email i nuovi pensieri pubblicati

Indice generale della serie sul libro di Rut

Un uomo e una donna si sposano e hanno un figlio.
La nonna è ovviamente felicissima.
Cosa c’è di strano? Apparentemente nulla. Sembra una scena ordinaria…

Ma ripensando alla situazione in cui Naomi si era venuta a trovare all’inizio di questo libro, ricordando la profonda amarezza che aveva caratterizzato il suo ritorno a Betlemme quando addirittura aveva chiesto di non essere più chiamata Naomi (mia dolcezza) ma Mara (amarezza), avremmo mai pensato di vederla ancora sorridere con il suo nipotino in braccio?

Avvicinandoci alla fine del libro ci rendiamo conto di come il Signore stava già operando in favore di Naomi nel momento stesso in cui lei si sentiva solo giudicata da Dio. Quando Rut aveva deciso di rimanere con lei, Naomi non aveva considerato la sua presenza come un aiuto reale ma come un’ulteriore fonte di preoccupazione. Non si era sentita sollevata per la presenza di Rut ma era stata profondamente pessimista sul futuro di entrambe.

A dispetto di quanto si sarebbe potuto immaginare, la scelta difficile di Rut si era rivelata il momento di svolta nella vita della famiglia. Rut aveva riposto la sua fede nello stesso Dio in cui credeva Naomi e si era unità al popolo di Israele. Il testo ci fa notare quanto è stata preziosa la presenza di Rut accanto a Naomi attraverso le parole delle amiche di Naomi: “l’ha partorito tua nuora che ti ama, e che vale per te più di sette figli”.

Siamo abituati a pensare al rapporto tra nuora e suocera come ad un rapporto conflittuale, ma coloro che confidano nel Signore possono andare ben oltre questi luoghi comuni. Rut si era comportata meglio di una figlia, anzi meglio di sette figli messi assieme! E il Signore aveva vegliato su quella ragazza dandole ancora la gioia di sposarsi ed avere un figlio, ovvero proprio ciò a cui lei sembrava aver ormai rinunciato quando era rimasta con Naomi.

Ma Dio non si era dimenticato di Rut. Dal suo precedente matrimonio non erano nati figli e non era quindi scontato che Rut potesse averne, ma il testo ci indica che fu proprio Dio a benedirla dandole di avere quel bambino: “il SIGNORE le diede la grazia di concepire; e quella partorì un figlio.”

“Benedetto il SIGNORE” gridavano giustamente le amiche di Naomi proprio sottolineando che era stato il Signore a vegliare su di lei e a prendersi cura di lei, anche quando Naomi vedeva solo Dio come il proprio giudice.

Il Signore aveva infatti guidato ogni cosa, aveva fatto in modo che Rut restasse vicino alla suocera, trovasse un uomo disposto a sposarla e le aveva poi dato la grazia di concepire e di partorire quel bambino.

Questa storia ci conferma che Dio non abbandona i suoi figli. In questa storia non abbiamo visto interventi soprannaturali di Dio ma abbiamo visto come Dio può utilizzare persone che si lasciano usare da lui come Rut e Boaz. Rut rinunciò alla sua vita per stare con la suocera e Boaz accettò di svolgere il ruolo di riscattatore della famiglia non badando al proprio vantaggio ma mostrando amore verso Rut e verso Naomi. È Dio guidò sapientemente ogni cosa affinché questi suoi figli si incontrassero, si sposassero e avessero un figlio.

Davvero il Signore doveva essere celebrato e benedetto come quelle donne avevano detto a Naomi.

Ma le benedizioni del Signore non erano finite. Rut e Boaz erano stati una benedizione per Naomi ma ancor di più lo sarebbe stato quel piccolo bambino che ella stava tenendo fra le braccia. Le donne pensavano che quel bimbo sarebbe stato una consolazione e un sostegno per Naomi nella sua vecchiaia e possiamo essere certi che sia stato proprio così. Ma il Signore aveva in serbo qualcosa di ancora più grande per la famiglia di Naomi, una vera pioggia di benedizioni che sarebbe andata ben oltre la vita di Naomi. Infatti, come vedremo nell’ultimo episodio di questa serie, quel bambino sarebbe stato davvero speciale.

Naviga nella serie<< Che Dio ti benedica!Dalla morte alla vita >>
Se vuoi avere maggiori informazioni sugli argomenti trattati in questo articolo, sentiti libero di contattarmi via mail o sui social networks.
Posted in Pensieri and tagged , .

Perché non lasci un commento? Saresti utile anche ad altri!